L’uomo ha omesso un importo di 1.300 euro

Beccato “furbetto” dell’autostrada

La Polizia di Stato ha indagato in stato di libertà un 61enne cittadino italiano, per i reati di truffa e insolvenza fraudolenta.

L’indagine, effettuata dagli investigatori della Polizia Stradale di Bologna e Ravenna, è scaturita a seguito di una querela proposta dal legale della società che gestisce le tratte autostradali interessate.

Secondo quanto denunciato alla Polizia dal procuratore speciale dell’azienda, negli anni 2017 e 2018 un’autovettura sprovvista di idoneo dispositivo elettronico, avrebbe utilizzato irregolarmente per qualche decina di volte le piste autostradali riservate agli utenti telepass, omettendo così il pedaggio dovuto per un importo totale di circa 1.300 euro.

Usava l’auto di un parente

Gli accertamenti effettuati dalla Polizia Stradale hanno permesso di identificare la persona che si trovava alla guida dell’auto durante l’azione delittuosa, risultata essere il 61enne cittadino italiano, parente del proprietario dell’auto della quale aveva l’utilizzo.

Pertanto, il 61enne è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per i reati di truffa e insolvenza fraudolenta.