Avvicinamento in salita al derby di domenica per i giallorossi, l’ex Magrassi mattatore con una doppietta

Amara trasferta infrasettimanale per il Ravenna FC, che a Verona contro la Virtus incassa un sonoro 3-0 e complica il proprio percorso di avvicinamento al sentitissimo derby che vedrà il Cesena ospite nella città bizantina domenica. La squadra di Foschi subisce la supremazia fisica dei padroni di casa e non entra mai in partita, finendo già sotto di due goal al 15’. I padroni di casa si dimostrano la più in forma del campionato, con un Magrassi in stato di grazia che dimostra di essere lontano parente del giocatore visto per sei mesi al Benelli.

La partita 

Partenza in salita: passano solo 5 minuti ed il Verona è già in vantaggio, punizione velenosa di Danti dalla sinistra, il suo pallone messo in mezzo non viene toccato da nessuno e beffa Spurio sul secondo palo. Al decimo ci prova Magrassi servito dalla sponda di Odogwu, ma Spurio è attento. Il copione si ripete al 15’ con il più classico dei gol degli ex, Magrassi scattato sul filo del fuorigioco viene imbeccato nuovamente da Odogwu e trova il raddoppio per i padroni di casa. Il primo tiro ospite arriva con Giovinco al 26’ che gira di piatto una palla messa dalla destra da Grassini ma non trova lo specchio. È lo stesso 26 a riprovarci al 36’ su una bella iniziativa di Lora, ma Giacomel su supera rifugiandosi in angolo.

La ripresa si apre con due conclusioni nel giro di un minuto di Nocciolini, con il portiere che è abile ancora a deviare in angolo. Ma è un fuoco di paglia perché al 5’ Magrassi di nuovo imbeccato da Odogwu cala il tris che spegne le velleità giallorosse di riaprire la gara. All’ottavo l’occasione per accorciare le distanze arriva con Raffini prima e Nocciolini poi, ma Giacomel respinge e Curto salva sulla linea. Ravenna anche sfortunato, al 12’ incornata di Nocciolini da corner e palla che si stampa sul palo interno prima di essere allontanata dai padroni di casa. Nuova occasione per Onescu in contropiede al 38’ ma Spurio para con sicurezza. Il secondo tempo è tutto qui, troppo poco per potere pensare di portare a casa qualcosa da questo campo. Da domani squadra al lavoro in preparazione del derby contro il Cesena, dove servirà ben altro approccio.

La sala stampa

Le dichiarazioni di Foschi: “Oggi la Virtus ci ha surclassato in tutto, abbiamo offerto una prestazione non alla nostra altezza e chiedo scusa a tutti i nostri tifosi. Probabilmente paghiamo le tante energie che abbiamo speso nel momento in cui eravamo contati, ed oggi la Virtus è andata molto più forte di noi. Mi sento di dire che questi non siamo noi. Domani ripartiamo cercando di recuperare le energie fisiche e mentali. Non mi sentivo esaltato dopo le due vittorie con le grandi e non mi sento sotterrato dopo queste due sconfitte, chiaro che dobbiamo capire perché non abbiamo fatto nulla di quanto avevamo preparato”.

Il tabellino 

Virtus Vecomp Verona – Ravenna Football Club 1913 3-0

Virtus Verona: Giacomel, Pellacani, Rossi, Odogwu (24′ st Mercandella), Danti (15′ st Casarotto), Cazzola, Magrassi (40′ st Fermo), Sirignano (16′ st Lavagnoli), Curto, Onescu, Sammarco (24′ st Danieli). A disp.: Chiesa, Manarin, Santacroce, Da Silva, Pinton, Baravelli . All.: Luigi Fresco.

Ravenna: Spurio, Grassini, Ricchi (1′ st Purro), Ronchi, Nocciolini (13′ st Fyda), D’Eramo, Sirri, Jidayi, Giovinco (13′ st Selleri), Papa (1′ st Raffini), Lora (21′ st Sabba). A disp.: Cincilla, Nigretti, Fiorani, Mustacciolo. All.: Luciano Foschi.

Reti: 6′ pt Danti , 16′ pt Magrassi, 6′ st Magrassi.

Note: Ammoniti: Sirri, Lora, D’Eramo, Jidayi.