Il grafico diffuso dalla Regione mostra l’ottimo andamento dei dati ravennati dal 25 marzo

Ravenna è la provincia emiliano-romagnola con meno casi attivi di Coronavirus registrati. È questo l’incoraggiante dato che si può notare dai grafici sull’andamento dell’epidemia, diffusi oggi, mercoledì 22 aprile, dalla Regione. Dal 25 marzo, quando Ravenna era con 320 casi la seconda miglior provincia dopo Ferrara (188) ad oggi, i casi attivi sono infatti cresciuti di appena 51 unità (371) e sono in costante calo dal 14 aprile. Con Ferrara salita a quota 631, la nostra è quindi, già dal 9 aprile, di gran lunga la provincia dell’Emilia-Romagna con meno positivi.

Purtroppo, nell’aggiornamento di oggi c’è da registrare il decesso di un 72enne, ma le guarigioni (33) restano nettamente più dei nuovi casi di positività, che sono appena 4 e fanno riferimento a 2 uomini e altrettante donne. Un paziente è ricoverato, gli altri 3 sono seguiti al proprio domicilio. Si tratta comunque di pazienti che hanno avuto contatti stretti con altri soggetti positivi. Oltre alle 33 guarigioni complessive ci sono anche 3 guarigioni cliniche di pazienti che effettueranno tamponi di negativizzazione.

Sono invece 212 le persone in quarantena e sorveglianza attiva in quanto contatti stretti con casi positivi o rientrate in Italia dall’estero.

Complessivamente i casi sono dunque 941, confermati alle 12 del 22 aprile. La distribuzione per comune è la seguente:

  • 49 residenti al di fuori della provincia di Ravenna
  • 428 Ravenna
  • 124 Faenza
  • 60 Cervia
  • 66 Lugo
  • 50 Russi
  • 28 Alfonsine
  • 31 Bagnacavallo
  • 22 Castelbolognese
  • 8 Conselice
  • 11 Massa Lombarda
  • 3 Sant’agata Santerno
  • 15 Cotignola
  • 8 Riolo Terme
  • 20 Fusignano
  • 6 Solarolo
  • 10 Brisighella
  • 2 Casola Valsenio