Gli studenti impegnati nella lettura dei versi della Divina Commedia accompagnati da brevi interventi musicali

Nella ricorrenza del settecentesimo anniversario della morte di Dante, le scuole della provincia di Ravenna, in occasione dell’inizio dell’anno scolastico, sono protagoniste delle celebrazioni.

Davanti alla tomba di Dante le autorità delle istituzioni coinvolte aprono e chiudono la manifestazione con la lettura del primo canto dell’Inferno.

Trenta studenti, seguiti dai loro insegnanti, una collaboratrice scolastica, un dirigente scolastico, quali rappresentanti della comunità educativa ravennate, si alternano nella lettura di versi della Divina Commedia, accompagnati da brevi interventi musicali.

L’iniziativa è stata ideata dal gruppo di coordinamento provinciale “A scuola con Dante” e realizzata in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune nell’ambito di un articolato percorso di valorizzazione dello studio di Dante. L’evento rappresenta un’occasione di relazionalità educativa volta anche a valorizzare le diverse e significative esperienze elaborate dalle scuole nell’ultimo triennio, in vista delle celebrazioni dantesche, con lo scopo di celebrare il Sommo Poeta in un contesto di valenza sociale, pedagogica e culturale.

Programma

Alle 9.30 si è esibito il coro “Libere Note Mordani” diretto da Catia Gori; alle 9.40 i saluti delle autorità; alle 9.50 la lettura del primo canto dell’Inferno a cura delle autorità istituzionali e scolastiche; alle 10 l’inizio della lettura di versi della Divina Commedia, a cura degli studenti e del personale scolastico; alle 12.15 la conclusione delle letture; alle 12.20 l’esibizione del coro “Novello In…canto” diretto da Elisabetta Agostini; alle 12.30 la conclusione dell’evento.