L'arcivescovo Lorenzo Ghizzoni

Anche quest’anno, nel giorno di Natale, monsignor Ghizzoni, celebrerà la prima messa coi detenuti del carcere di Ravenna

Per quanto riguarda le altre celebrazioni, tre le più sentite e le più importanti dell’intero anno liturgico, invece, subiranno qualche variazione:

  • venerdì 24 dicembre, la messa solenne nella notte Santa in Cattedrale, programmata per le 21.30, sarà presieduta da monsignor Ghizzoni (con lui, concelebrerà il parroco della cattedrale, don Arienzo Colombo), con la celebrazione che verrà trasmessa anche in diretta da “Teleromagna” (canale numero 14 del digitale terrestre) e da “Ravegnana radio Inblu” (frequenza numero 94 mhz, di seguito il sito web www.ravegnanaradio.it)
  • sabato 25 dicembre, dopo la messa in programma in carcere, alle 10, nella concattedrale di Cervia, l’arcivescovo celebrerà alle 18; con le messe in cattedrale che, nel giorno di Natale, seguono l’orario festivo (pertanto, sono in calendario alle 9, alle 11 e alle 18.30)
    venerdì 31 dicembre, è in programma in piazza san Francesco a Ravenna, alle 16, una fiaccolata della pace (che sostituisce la tradizionale marcia, annullata per evitare la diffusione del contagio da Covid-19), alla quale sono invitate a partecipare le rappresentanze delle diverse confessioni religiose, delle istituzioni cittadine e delle associazioni ravennati. Successivamente, nel duomo di Ravenna, alle 18.30, l’arcivescovo celebrerà la messa di ringraziamento col “Te deum”
  • sabato 1 gennaio, a santa Maria in porto, alle 11, è in programma la messa nella festa della madre di Dio