Appuntamento a Riolo Terme, dove nacque il prefetto antimafia Ermanno Sangiorgi

Sabato 13 novembre a Riolo Terme si terrà un convegno a partire dalle 9.30 dal titolo “Cosa Nostra a Casa Nostra”. Sinistra Ecologia Libertà ricorda la figura di Ermanno Sangiorgi, questore di Palermo a cavallo fra ‘800 e ‘900.
Lo fa a Riolo Terme, dove Sangiorgi nacque. interverranno: Gian Guido Naldi consigliere regionale di SEL; Ennio Grassi, docente; Stefano Pisani, Vice Sindaco del Comune di Pollica (SA); Marisa Zani, referente di “Libera” per le province di Forli-Cesena e Ravenna; Giovanni Tizian, giornalista di Narcomafie e della Gazzetta di Mantova; Libero Mancuso ex Magistrato del pool antimafia; Claudio Fava coordinatore nazionale di SEL

All’interno del convegno l’Associazione Libera organizzerà un banchetto con i prodotti di Libera Terra.

Ermanno Sangiorgi, spiega Sel, “fu il primo a riconoscere l’esistenza della Mafia come organizzazione unitaria e ad istruire un processo per quelli che oggi definiremmo reati associativi. Il processo si concluse con molte assoluzioni e si dovranno aspettare gli anni ’80 perché, dopo le rivelazioni dei pentiti, la mafia venga ufficialmente riconosciuta per ciò che essa è, e non ridotta a una serie di episodi criminali.

L’impressione è che oggi la storia si ripeta nel nord del paese, dove si continua a voler circoscrivere le mafie come fenomeno meridionale, rifiutando così di prendere atto del loro carattere ormai globale, facilitandone le possibilità di espansione. Sinistra Ecologia Libertà ha nel suo dna la lotta a ogni forma di criminalità organizzata. Per questo vogliamo essere in prima linea nel vigilare, denunciare e
combattere ogni possibile tentativo di radicamento delle mafie nei nostri territori. Parlare di questo rischio, mantenere attente le coscienze, rifiutare alla radice ogni tentativo di minimizzare è il primo passo per
conservarci un futuro migliore. Questo è il senso del nostro impegno, a partire da questo convegno”.