Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lettore

“Spettabile redazione,

con la finanziaria nazionale approvata a Capodanno, lo Stato, come è noto, ha dato ai comuni la possibilità di incrementare le imposte locali. Fra quelle incrementabili figura anche l’ICP (Imposta Comunale sulla Pubblicità), che grava prevalentemente sui commercianti. Ciò premesso, vista la crisi del comparto, si auspica che gli enti locali non si avvalgano della suddetta facoltà. Al limite, ove proprio lo si ritenga necessario, si riformino le zonizzazioni ponendo nelle aree di maggior pregio, e quindi di maggior imposta, la GDO e non i piccoli operatori già in forte difficoltà, senza incrementare le tariffe della tassa”.

RH