Riportiamo di seguito la denuncia del Movimento 5 Stelle faentino, che lamenta la riduzione del servizio del 118 nella città a partire dal 1 luglio:

“Abbiamo appreso da fonti certe, che, dallo scorso primo luglio, il numero di ambulanze in servizio notturno nel territorio faentino è stato dimezzato da due ad un’unica unità.

Con tutte le conseguenze che potete facilmente immaginare.

Con l’effetto che in caso di duplice simultanea emergenza, come già accaduto in questi giorni, dovrà intervenire l’ambulanza da Riolo Terme e Russi o da ancora più lontano, con disagi e tempi dilatati.

Una decisione vergognosa ed inaccettabile, un ennesimo taglio dei servizi a discapito della collettività, sulla quale Ausl e amministrazione tacciono, figlia di quella riorganizzazione territoriale della sanità voluta dal partito di maggioranza che ha fatto solo danni e che noi da sempre contestiamo.

Ci aspettiamo spiegazioni e chiediamo fermamente che venga aggiunto nuovamente il mezzo in più di notte, considerando anche  il continuo depotenziamento delle specialità nei nostri presidi ospedalieri e sollecitiamo che si creino luoghi con professionalità e strumentazioni adatte per rispondere ai bisogni sanitari dei cittadini, evitando così di intasare mezzi e pronto soccorso.

Un aspetto che potrebbe migliorare la risposta ai bisogni sanitari dei cittadini e di conseguenza anche l’utilizzo del servizio 118, è l’organizzazione di Case della Salute “vere e ben funzionanti” con medici ed infermieri motivati e preparati, con il potenziamento dell’assistenza domiciliare (le cure sanitarie a domicilio sono il futuro della sanità).

Non come l’attuale ‘struttura’ in Via della Costituzione, che ad oggi rimane incompleta ed iniqua per svolgere ciò per cui è stata creata!”

Massimo Bosi, Andrea Palli, Marilena Mengozzi, Movimento5Stelle