Marcia della Pace 2020

Da Perugia ad Assisi

Il comune di Cervia ha aderito alla “Catena Umana per la pace e la fraternità” da Perugia ad Assisi che si è svolta domenica 11 ottobre 2020.

Venti le persone partite da Cervia col bus gratuito messo a disposizione dall’amministrazione comunale con l’assessore Michela Brunelli e il Gonfalone della città.

La tradizionale Marcia della Pace Perugia-Assisi quest’anno è diventata una Catena Umana lunga 25 km. con le persone con la mascherina e distanziate, ma unite da corde intrecciate coi colori dell’arcobaleno, per simboleggiare l’impegno a costruire una nuova società e una nuova economia basati sulla pace e sull’ambiente. Time for peace, time to care: tempo di fare la pace e di prendersi cura gli uni degli altri, il tema di quest’anno.

In cielo ha volato anche un aquilone, che era sulla spiaggia di Cervia nel settembre scorso, col volto di Patrick Zaki, lo studente da mesi detenuto in carcere in Egitto.

La Marcia per la pace riunisce i Comuni, le Province e le Regioni impegnate in Italia a costruire la pace promuovendo i diritti umani, la solidarietà e la cooperazione internazionale, che hanno la responsabilità di dare voce alla domanda di pace e di giustizia dei propri cittadini e di agire coerentemente per promuovere il rispetto dei diritti umani e proteggere le persone più deboli e vulnerabili.

Il comune di Cervia già dal 1993 ha provveduto a deliberare la propria “dichiarazione di Città per la Pace” ed ad aderire al Coordinamento Nazionale Enti locali per la Pace con sede a Perugia, stabilendo che uno degli obiettivi principali dell’amministrazione comunale di Cervia è la promozione della cultura e dell’educazione alla pace nel rispetto dei diritti umani e della solidarietà internazionale.

L’assessore Michela Brunelli ha dichiarato:Torniamo a casa con un messaggio forte da vivere e da trasmettere: “prendiamoci cura, costruiamo la pace”. La lunga catena umana è simbolo dei valori profondi delle relazioni umane, dell’avere fiducia nella comunità delle persone e del prender coscienza che la pace si costruisce con l’umanità e la solidarietà. Grande è stata l’emozione nel vedere in cielo l’aquilone di Patrick Zaki che ha preso il primo volo proprio nella spiaggia di Cervia. Una giornata per dire no alla guerra, alla violazione dei diritti umani, all’odio e alla violenza. La pace si alimenta di tutte le piccole azioni fatte ogni giorno da ciascuno di noi”.