I ragazzi, rigorosamente indossando la mascherina, hanno manifestato contro il progetto di ENI per il confinamento della CO2 all’interno dei giacimenti metaniferi esauriti

È andato in scena questa mattina, venerdì 9 ottobre, dalle ore 9.30 alle 11, in piazza del Popolo a Ravenna, la manifestazione del movimento ambientalista Fridays for Future contro il progetto di ENI per il confinamento della CO2 all’interno dei giacimenti metaniferi esauriti.

“Stiamo parlando della Carbon Capture and Storage, un progetto fallimentare che potrà sopravvivere solo grazie ad ingenti finanziamenti pubblici, ma che non risponde alle impellenti esigenze dell’Emergenza Climatica, ma che anzi ha il solo scopo di prolungare la vita del fossile. Un po’ come nascondere la polvere sotto il tappeto senza risolvere i veri problemi.” – scriveva il movimento presentando l’iniziativa.

I ragazzi, muniti rigorosamente di mascherina, hanno quindi svolto un flashmob con scope, richiamando l’idea di nascondere la polvere sotto il tappeto, e cartelloni, ricchi dei consueti slogan e proposte per una politica energetica sostenibile.