(Shutterstock.com)
(Shutterstock.com)

Gli studenti si sono confrontati per sviluppare idee concrete in favore della sostenibilità

La scorsa settimana al Polo tecnico di Lugo si è svolta online la seconda e ultima “Eco Challenge” prevista dall’azione “ProvincEgiovani”.

Tema della sfida sono stati i catalizzatori verdi, iniziative strategiche volte a stimolare i giovani a essere più attivi e influenti nella salvaguardia dell’ambiente. L’Eco Challenge consisteva infatti nell’ideare iniziative esperienziali capaci di ispirare, incentivare e supportare azioni concrete di salvaguardia ambientale.

Deforestazione, eccessivo utilizzo della plastica, inquinamento, poca informazione nei confronti dei giovani, consapevolezza nella raccolta dei rifiuti, eco concerti, escape room, videomaker urbani che filmano documentari di sensibilizzazione, sono le azioni di impatto concreto e diretto sui cittadini che sono emerse dalle proposte dei ragazzi.

Gli studenti sono stati coordinati da Nicolò Pranzini, referente di Art-ER, e dal Villaggio Globale di Ravenna, in collaborazione con il Servizio Nuove generazioni e il Ceas Bassa Romagna.

ProvincEgiovani è un’azione finalizzata a sperimentare interventi di area vasta tesi a valorizzare politiche coordinate a favore dei giovani, in grado di coinvolgere i diversi livelli istituzionali, l’associazionismo giovanile e tutti gli attori che, a vario titolo, si occupano di giovani.
Coordinato dalla Provincia di Ravenna, il progetto vede la partecipazione del Polo tecnico e professionale di Lugo, dell’Istituto tecnico “Morigia-Perdisa” di Ravenna, dell’Istituto professionale “Persolino-Strocchi” di Faenza e la collaborazione delle Unioni della Romagna Faentina e della Bassa Romagna.