Il Sindaco di Casola Valsenio

Il 21 marzo torna la “Festa nazionale degli Alberi” che la città celebra dal 1949.

La “Giornata Nazionale degli Alberi”, muove i primi passi a partire dal 1923. Il secondo conflitto mondiale la interrompe ma Casola Valsenio è la prima delle località a riprenderne la tradizione. Per iniziativa del Prof. Augusto Rinaldi Ceroni, coadiuvato da un comitato comunale,  il 21 marzo 1949, primo giorno di primavera, viene ripresa a Casola la Festa degli Alberi con una cerimonia che all’epoca si svolse nel cantiere di rimboschimento aperto nel podere Soglia, in parrocchia di Pagnano, alla presenza dell’allora Ministro dell’Agricoltura Amintore Fanfani.  Dopo quell’evento, il Ministro decise  di far riprendere la celebrazione in tutta Italia. La Festa degli Alberi – ulteriormente confermata come evento nazionale dal Consiglio dei Ministri nel 2010 – è, a  Casola Valsenio, anche la gradita occasione per celebrare le nascite dell’ultimo anno con un gesto dalla forte simbolicità. Dopo la forzata interruzione dell’evento, nel 2020 e nel 2021, quest’anno la festa potrà nuovamente tenersi con la consegna degli alberi e dei diplomi alle famiglie dei nuovi nati e la piantumazione di un nuovo albero per ogni nato del 2021. La piantumazione avveràà nel parco fluviale urbano del Senio, nei pressi del Mulino Tozzi. L’appuntamento per la Festa degli Alberi, è nel cortile del plesso scolastico di Via Santa Martina, alle 10 con il saluto dell’Amministrazione Comunale e del Consiglio Comunale dei Ragazzi e, a seguire, con la consegna degli attestati ai bambini casolani nati nell’anno 2021.