Al comune della città del sale è stato assegnato un contributo di 150.000€, finanziato dal “PNRR”, per la riqualificazione dell’area, parte del parco del delta del Po

Il comune di Cervia è risultato assegnatario di un altro contributo, dopo quello di 5.000.000€ per il progetto di “Riqualificazione e rigenerazione urbana del waterfront di Pinarella Tagliata”, stavolta di 150.000€ per il progetto di “Riqualificazione bosco del duca D’Altemps”, anche questo finanziato dal “PNRR” (abbreviazione di “Piano nazionale di ripresa e resilienza”).

L’amministrazione comunale ha candidato una serie di progetti, fra cui la riqualificazione del bosco del duca D’Altemps, parte del parco del delta del Po, grande comparto ambientale individuato dal “PNRR” come uno dei quattordici “grandi attrattori culturali” destinatari di interventi strategici per rilanciare la cultura ed il turismo italiani in modo sostenibile e innovativo.

Il progetto vuole sia potenziare l’attrattività turistica, sia contribuire allo sviluppo delle aree del parco del delta del Po attraverso una serie di interventi che, in modo sinergico, agiscono lungo alcune linee di azione, fra cui i “Percorsi natura ed escursionistici: potenziamento dei percorsi turistico-naturalistici ed escursionistici e del sistema di visita e di accoglienza”.

Gli interventi relativi al progetto del bosco del duca, inseriti nel “Piano triennale degli investimenti 2022-2024”, sono volti sia a migliorare la sicurezza e la fruibilità dell’area, sia a valorizzare gli aspetti ambientali e paesaggistici. Più specificatamente, i lavori riguardano il rinnovo della recinzione perimetrale con la sostituzione completa e l’eliminazione della vegetazione infestante; l’abbattimento delle piante secche e pericolanti all’interno dell’area che pregiudicano la sicurezza e danneggiano le piante da tutelare; il rifacimento degli ingressi e degli arredi, in particolare le staccionate; la sostituzione della cartellonistica informativa generale e relativa alle tabelle indicanti le specie presenti nel bosco; la sistemazione dei sentieri e il rifacimento delle scalette in legno sulle sponde del canale; e la sistemazione dei percorsi per un’utenza ampliata.