(Shutterstock.com)

Querce, pioppi bianchi e neri, aceri, ontani e frassini per la riforestazione dell’area in via Sirotti

Sono stati approvati dalla giunta due progetti riguardanti il verde pubblico comunale. Il più corposo riguarda la riforestazione dell’area in via Sirotti grazie al contributo ottenuto dalla Regione Emilia-Romagna di oltre 40 mila euro nell’ambito del “Progetto quattro milioni e mezzo di alberi in più piantiamo un albero per ogni abitante dell’Emilia-Romagna”.

“Tutelare, valorizzare e incrementare il patrimonio verde pubblico – afferma l’assessore al Verde pubblico e riforestazione Igor Gallonetto – è uno dei miei obiettivi più immediati e questi due nuovi progetti vanno nella direzione auspicata. Sono in particolare molto soddisfatto per quanto riusciremo a realizzare grazie al contributo ottenuto da parte della Regione che ci permette di coprire l’intera spesa e di realizzare un consistente intervento di rimboschimento”.

Il progetto prevede infatti la fornitura e la messa a dimora di 2.100 piante arboree forestali per un’area di oltre due ettari. Si tratta della realizzazione di un bosco vero e proprio composto da diverse specie, anche a rapida crescita, tra cui querce (Quercus robur, 627 piante per il 30% della piantumazione), pioppi bianchi (Populus alba, 418 alberi per il 20%), pioppi neri (Populus nigra, 313 piante per il 15%), aceri (Acer campestre, 313 per il 15%), ontani (Alnus glutinosa, 209 piante per il 10%), frassini (Fraxinus oxicarpa, 209 piante per il 10%).

La posa avrà cura di mantenere una fascia libera di 4 metri lungo i margini per ottimizzare la manutenzione e nel rispetto dei vicini terreni privati.

L’altro progetto approvato riguarda interventi di manutenzione straordinaria di arredi presenti nella maggior parte delle aree verdi – parchi e giardini – del Comune per garantire una migliore e più sicura fruizione del verde pubblico. L’intervento consisterà nella sistemazione o sostituzione di cestini, staccionate, panchine, cartellonistica, percorsi costituiti da materiali vari usurati dalla fruizione quotidiana.

Gli interventi, del valore di quasi 30 mila euro, sono finanziati nel Piano degli investimenti 2022/2024.