(Shutterstock.com)

Parte il loro viaggio verso il Mar dei Sargassi

Questa mattina a circa 2,5 km al largo della costa di Marina di Ravenna, sono stati liberati ottanta esemplari di anguilla europea. L’iniziativa, a cura del Parco del Delta del Po dell’Emilia Romagna e in collaborazione con l’Associazione Marinando di Ravenna e l’Università degli Studi di Ferrara, rientra nel progetto europeo LIFEEL il cui obiettivo è quello di mantenere e incrementare lo stock naturale di Anguilla anguilla.

Con partenza dal Porto Turistico Marinara, Sante Ghirardi dell’Associazione Marinando, ha portato al largo la barca dalla quale sono stati liberati gli esemplari. Mattia Lanzoni del Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Prevenzione dell’Università di Ferrara ha curato la marcatura e l’installazione dei trasmettitori nelle anguille e in alcune boe posizionate al largo. Tutti gli esemplari liberati sono stati infatti dotati di un tag, un’etichetta che ne permette il riconoscimento, cinquanta erano anche dotati di un trasmettitore il cui segnale verrà captato da alcune boe collocate appositamente al largo di Cervia per monitorarne il passaggio. Tutte le anguille erano in perfetta salute e la liberazione può considerarsi avvenuta con successo.