Stanziamento straordinario da parte dell’Amministrazione comunale

Le nostre pinete e i nostri boschi cittadini hanno costanti necessità di cure per crescere e vegetare correttamente e l’Amministrazione comunale di Cervia comunica che investirà per la loro conservazione 100.000 euro, che serviranno a finanziare una serie di interventi a partire da metà gennaio.

In primo luogo nella Pineta di Cervia, dopo aver completato nel 2022 l’intensa attività di rimboschimento delle aree distrutte dalla tromba d’aria del 10.07.19, con la piantagione di oltre 8.500 nuovi alberi, si procederà a tutelare il bosco e garantire la sicurezza dei fruitori della pineta e delle abitazioni adiacenti realizzando i necessari lavori di adeguamento delle fasce frangifuoco presenti.

Si precisa che di questi complessivi 8.500 alberi 4.500 sono quelli donati dalla Regione Emilia-Romagna e piantati nel 2021.

In particolare verranno realizzate le spalcature dei giovani rimboschimenti e degli alberi adiacenti la fascia frangifuoco e l’abbattimento delle alberature poste nella zona adiacente le abitazioni che ha funzioni di prevenzione e  contenimento degli incendi boschivi

Inoltre si provvederà a rimboschire l’area pinetata sita tra la 1^e la 23^ traversa percorsa dal fuoco nel 2020 mediante la piantagione di pini domestici querce e lecci.

Tutti i lavori in programma sono realizzati in conformità al Piano di Gestione Naturalistica della Pineta di Cervia approvato dalla Regione Emilia Romagna ed al nulla osta dell’Ente di Gestione per i parchi e la biodiversitaè del Parco del Delta.

Anche nella Riserva Naturale Pineta di Pinarella si prosegue con il piano di rinaturalizzazione avviato nel 2016, dopo che gli eventi meteorologici del 2015 ne hanno messo a dura prova l’equilibrio forestale.

Gli interventi riguarderanno in particolare la piantagione e le prime cure colturali di 700 alberi ed arbusti tipici delle pinete costiere ravennate quali querce, lecci, pini domestici, frassini, su una superficie complessiva di circa un ettaro, localizzati sia nella fascia verso mare che nella duna intermedia, nella zona tra Tagliata e Pinarella.

Per eseguire questo rimboschimento di oltre 700 alberi, si utilizzeranno  piante forestali già sviluppate che meglio competono con la vegetazione spontanea infestante.