L’installazione sarà inaugurata con una visita guidata gratuita sabato 3 luglio alle 19

Si accendono i riflettori sulla terza edizione di Terrena, il festival di land art della Bassa Romagna, quest’anno sulle tracce di Dante. Da giovedì 1 a sabato 3 luglio l’artista Elena Bellantoni sarà nel bosco urbano di Conselice per realizzare la prima delle tre installazioni site-specific che vedranno la luce col festival.

L’opera approfondisce i temi legati alla dignità e al lavoro: è il risultato della riflessione dell’artista sui Canti I e XXXI del Purgatorio nella ricerca della libertà. Intitolata “Pane e Libertà”, l’installazione rimanda inoltre alla rivolta delle mondine che allo scadere del XIX secolo ha visto Conselice protagonista di fatti dolorosi e tragici, con l’uccisione di alcune lavoratrici e lavoratori del posto. La lotta per il pane di quegli anni fu da sprone per la nascita di corporazioni di lavoratori che permisero la fondazione del sindacato inteso in senso moderno.

Elena Bellantoni nasce a Vibo Valentia nel 1975 ed è un’artista visiva. Laureata in Arte contemporanea, studia anche a Parigi e a Londra, dove consegue un master in Visual Art alla Wca University of Arts di Londra. Attualmente lavora a Roma e Berlino. Il suo lavoro di ricerca esplora le dinamiche identitarie e relazionali che si instaurano nei territori e negli spazi che attraversa. Utilizza così il linguaggio e il corpo come “s-oggetti” di indagine e formalizza i suoi progetti attraverso: il video, la fotografia, la performance, la scultura, il disegno e l’installazione. Attualmente è docente di Fenomenologia del corpo e metodi e tecniche per L’arte terapia all’Accademia di Belle arti di Roma.

Sabato 3 luglio alle 19 l’opera di Elena Bellantoni sarà inaugurata con una visita guidata gratuita condotta dalla stessa autrice. Il ritrovo è presso l’ingresso del bosco di Conselice, in via Gabriella Dalle Vacche, 78. Non è necessaria la prenotazione.
È previsto il coinvolgimento della comunità attraverso l’incontro con associazioni locali sui diritti delle donne e dei lavoratori e associazioni culturali e la produzione di “Parole di pane” da condividere durante la presentazione/performance.

Terrena proseguirà il suo percorso domenica 4 luglio nel bosco di Fusignano (ingresso viale Romagna), con la lettura teatralizzata e performance musicale intitolata Le Mute Infernali. Dante e le donne.

Tutti gli appuntamenti di Terrena sono gratuiti. Per maggiori informazioni su tutti gli appuntamenti del festival, consultare il sito terrenalandart.it.

L’organizzazione di Terrena è affidata all’associazione UnconventionART di Roma, sotto la direzione artistica di Carlo Palmisano e la curatela dello storico dell’arte Giuseppe Capparelli.

Terrena – Land art in Bassa Romagna sulle tracce di Dante è un progetto realizzato dall’Unione dei Comuni della Bassa Romagna – Settore Governance e Comunicazione, Sviluppo e Progetti strategici, con il contributo de La Cassa di Ravenna e in collaborazione con Olfattiva Srl di Massa Lombarda, Isia Faenza Design & Comunicazione e l’Accademia delle Belle arti di Ravenna.