Consegnati i riconoscimenti. Le 36 opere finaliste al concorso di grafica per le Accademie di belle arti sono esposte fino al 31 maggio alla Galleria Michele Tosi dell’Accademia di belle arti di Ravenna

E’ stata inaugurata questa mattina, venerdì 6 maggio, la mostra relativa alla seconda edizione del “Premio Ilaria Ciardi” nella Galleria Michele Tosi dell’Accademia di belle arti di Ravenna che resterà aperta fino al 31 maggio.

Durante l’evento è stato consegnato il primo premio di 500 euro finanziato dalla Banca di Credito Cooperativo ravennate, forlivese e imolese a Camilla Bindi dell’Accademia di belle arti di Firenze. Un altro importante premio è stato assegnato da Publimedia Italia a Martina Carollo dell’Accademia di belle arti di Palermo. Infine, si sono aggiunti due premi speciali rispettivamente a Lucia Monni dell’Accademia di belle arti di Venezia e a Erika Suda dell’Accademia di Belle Arti di Bologna. Alla cerimonia in rappresentanza della Bcc erano presenti il presidente Giuseppe Benini e Piero Roncuzzi del Comitato locale di Ravenna, Pubblimedia Italia e la famiglia della compianta Ilaria Ciardi.

Nel terzo anniversario della scomparsa della docente Ilaria Ciardi, l’Accademia di Belle Arti di Ravenna ha indetto la seconda edizione del premio di grafica a lei dedicato, rivolto a tutti gli studenti correntemente iscritti presso le Accademie di Belle Arti italiane.

Al premio hanno aderito ben 90 allievi provenienti da tutta Italia, dall’Accademia di Brera, a quella di Palermo, da Napoli a Venezia, da Torino, Catanzaro, Catania. Le opere selezionate confermano la qualità della didattica dei corsi di grafica presso le accademie che hanno aderito con entusiasmo e commozione a questo evento mettendo in evidenza l’espressività delle tecniche grafiche. Alla passione per il disegno e alla dedizione per le tecniche incisorie e sottolinea il grande impegno da parte dell’Accademia di belle Arti di Ravenna nella promozione e sostegno dell’operato dei giovani nell’arte. La docente Ilaria Ciardi aveva dedicato la sua vita, partecipando attivamente con il suo operato alla diffusione di questo linguaggio artistico nelle accademie e nei principali centri culturali italiani.

Le 36 opere finaliste sono esposte nella mostra visitabile, nel rispetto delle vigenti normative per il contenimento della pandemia da Covid-19, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17 e il sabato dalle 10 alle 12, previo appuntamento telefonico al numero 0544 453125.