Oltre 300 i visitatori dal giorno dell’inaugurazione; l’esposizione è stata scelta anche per sedute di psicoterapia del colore

Il fine settimana in arrivo è l’ultima occasione per visitare «La forma dell’invisibile. Emozioni cromatiche», la personale di pittura di Mirella Romagnoli allestita nella sala consiliare della Rocca di Bagnara di Romagna e che chiuderà i battenti domenica 15 maggio.

Un’esposizione segnata da un ottimo successo di pubblico, con oltre 300 visite dal giorno dell’inaugurazione, lo scorso 23 aprile.

«Questa è la prima mostra personale di un artista dopo il periodo di chiusure e limitazioni e, come responsabile degli eventi, non potevo immaginare risultato più positivo – ha dichiarato la curatrice Lisa Emiliani -. Mirella Romagnoli è stata in grado di portare numerosi turisti nel nostro borgo che grazie a lei hanno scoperto anche le altre attrattive culturali che Bagnara ha da offrire».

«Questa mostra segna per me un ritorno al mio pubblico e mi ha dato l’opportunità di assecondare il mio bisogno di esprimere le mie emozioni attraverso forme e tanto colore – ha dichiarato l’artista -. Quest’ultimo ha dato l’opportunità di vivere un momento di psicoterapia per alcuni pazienti in un tempo di apertura a loro riservato».

La mostra, a ingresso libero, sarà visitabile sabato 14 e domenica 15 maggio dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.

La vendita delle opere sarà devoluta in beneficenza al Comitato gemellaggi di Bagnara, per la ripresa delle attività di promozione sociale e culturale.

Mirella Romagnoli, ferrarese di nascita, ha compiuto il suo percorso scolastico prima a Ferrara poi a Ravenna. Attualmente risiede a Imola, dove svolge la sua attività artistica. Ha iniziato a dipingere nel 2000, quando ha dovuto lasciare, dopo trent’anni, il suo intenso impegno come insegnante di Storia dell’arte presso i licei di Ferrara, Argenta e Faenza. L’attività poetica, sempre presente come la pittura, è stata resa pubblica dal 2012 con il suo primo libro. Ha partecipato alla vita artistica nazionale prendendo parte a mostre, rassegne d’arte e concorsi. Sue opere sono esposte in luoghi pubblici e privati in Italia e all’estero.