Un'opera in esposizione alla mostra “Sogno o son desto?”

Presso i Magazzini del Sale di Cervia

Prosegue con grande successo la mostra “Sogno o son desto?”, curata dal prof. Claudio Spadoni e promossa dalla CNA di Ravenna e dal Comune di Cervia, presso i Magazzini del Sale di Cervia.

Una esposizione con opere di oltre quaranta artisti di diverse generazioni, che coprono oltre un secolo di storia dell’arte.

“Un appuntamento importante – sottolinea Massimo Mazzavillani, direttore della CNA di Ravenna – che torna, anche quest’anno, a testimoniare il solido e intimo legame tra artigianato e arte. “Sogno o son desto?” si inserisce a pieno titolo nel programma di eventi che la città di Cervia propone a cittadini e turisti. Con questa mostra, la CNA di Ravenna contribuisce ad arricchire l’offerta turistica e a promuovere la crescita culturale e artistica del territorio e della comunità. Siamo orgogliosi del grande successo che la mostra sta riportando: circa 10.000 persone l’hanno già visitata, e ancora tante, sono certo, verranno nei prossimi giorni. Il bilancio è senz’altro molto positivo, segnato da un successo senza precedenti che conferma l’importanza e l’ottima accoglienza che la città e i turisti riservano ogni anno a questo tipo di iniziative”.

“L’arte porta con sé i valori dell’artigianalità, del fatto a mano, del pensiero creativo – prosegue il presidente della CNA di Ravenna, Matteo Leoni – valori su cui si fonda anche la nostra Associazione. È con grande soddisfazione che riproponiamo anche quest’anno questo importante appuntamento: con la mostra “Sogno o son desto?” diamo un contributo fattivo al tessuto economico della città di Cervia e di tutta la provincia”.

“Credo che questa sia una delle mostre più ricche di e complesse fra quante sono state realizzate ai Magazzini del Sale di Cervia – afferma Claudio Spadoni – con prestiti importanti di molti dei più affermati artisti del secolo scorso: da maestri storici come de Chirico, Savinio, Sironi, Funi, Licini, per fare solo pochi nomi, a grandi protagonisti della generazione salita alla ribalta nel secondo dopoguerra, come Matta, Scanavino, Moreni, Morlotti, Vacchi, Mattioli, a notissimi artisti dagli anni ’60 in poi, come Ontani, Giosetta Fioroni, Schifano, Baj, De Dominicis, e quindi a protagonisti della scena attuale come Paladino, Cucchi, e ancora Pulini, Violetta, Pompili, fino ad emergenti quali Eron, Rivalta, Lucia Nanni. È confortante che la mostra abbia incontrato il favore di critici, addetti ai lavori e pubblico generico. Significativo che la mostra sia stata richiesta dal Museo Rimoldi delle Regole di Cortina d’Ampezzo per la stagione invernale”.

“Siamo molto soddisfatti per l’andamento positivo della mostra “Sogno o son Desto?”, evento che sta riscuotendo un grande successo” dichiara Massimo Medri, Sindaco di Cervia. “Ancora un ringraziamento a CNA per offrirci ogni estate un appuntamento di grande qualità culturale che viene sempre più apprezzato da turisti e residenti.”

La mostra sarà aperta al pubblico fino a domenica 21 agosto, ogni sera dalle 20 alle 24.

È accompagnata da un catalogo con un testo introduttivo del curatore, e la riproduzione delle opere esposte.

L’evento è stato reso possibile grazie al contributo di: COMUNE DI CERVIA, GRUPPO HERA SPA, ASSICOOP ROMAGNA FUTURA-UNIPOLSAI, SEDAR CNA SERVIZI, ARCO LAVORI, ARCO MARINA, CIICAI, GRUPPO CONSAR RAVENNA, ELFI S.P.A., GASPERONI DESIGN, LEONARDO DESIGN, LA BCC RAVENNATE, FORLIVESE E IMOLESE, MASSERVICE.