I partecipanti della conferenza alla Pinacoteca di Faenza

L’operazione grazie al finanziamento della Regione Emilia Romagna

Nella Pinacoteca di Faenza è iniziato un percorso di restauro su sei dipinti su tavola di fine Quattrocento e inizi Cinquecento il più antico istituto museale della Romagna.

Il restauro è stato presentato in conferenza stampa questa mattina dall’assessore alla Cultura e Paesaggio della Regione Emilia-Romagna, Mauro Felicori, Federica Gonzato, soprintendente Archeologia Belle Arti Paesaggio per le province di Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini, e dal sindaco di Faenza Massimo Isola.

“Con la programmazione e il finanziamento di questi interventi, contribuiamo in modo significativo alla conservazione del nostro patrimonio culturale – ha spiegato Felicori -. Le opere restaurate a Faenza sono alcune delle testimonianze più antiche provenienti dalle chiese faentine e risalgono alla stagione feconda in cui ogni città della Romagna ospitava botteghe di pittori, decoratori e artieri che con le loro opere hanno portato un contributo significativo all’identità di questi territori”.

“Ringraziamo la Regione Emilia-Romagna e l’assessore Mauro Felicori da sempre vicini alle progettualità artistiche e culturali della nostra città- ha detto il sindaco di Faenza, Massimo Isola-. Questo contributo ci consentirà di intervenire sul patrimonio della Pinacoteca comunale di Faenza per svolgere, nel miglior modo possibile, il lavoro di conservazione delle opere, spesso secolari, che fanno parte del corpus del nostro museo. Queste risorse ci consentiranno quindi di metterle in sicurezza, svolgendo così al meglio la funzione principale che caratterizza la nostra Pinacoteca: prendersi cura e custodire la memoria che, secolo dopo secolo e generazione dopo generazione, trasferiamo per rafforzare e aggiornare la nostra identità e il nostro essere comunità”.

Il restauro
Gli interventi di restauro riguardano la Madonna con Bambino, San Giovanni Evangelista e il Beato Filippo Bertoni del Maestro della pala Bertoni; il Cristo portacroce di Marco Palmezzano; la Madonna con il Bambino in trono tra i santi Bernardino da Siena, Giovanni Battista, Celestino Papa e Antonio da Padova (pala dei Celestini) e la Madonna con il Bambino san Giovannino e angeli, i santi Ippolito e Benedetto, i santi Lorenzo e Romualdo, il Padre eterno fra angeli (polittico dei Camaldolesi) di Giovan Battista Bertucci il Vecchio; la Madonna con il Bambino e i santi Giovanni Battista, Benedetto, Romualdo, Giovanni Evangelista, Girolamo e un santo vescovo di Biagio d’Antonio; lo Sposalizio mistico di santa Caterina d’Alessandria con san Giuseppe di Luca Longhi.

Dopo il restauro la pala Bertoni andrà in prestito alla mostra “Rinascimento a Ferrara. Ercole de’ Roberti e Lorenzo Costa”, di imminente inaugurazione a Ferrara, in concomitanza con la riapertura a febbraio di Palazzo dei Diamanti.

I restauri sono stati assegnati al laboratorio Isabella Cervetti Restauri di Bastia (Ravenna), al laboratorio Salemme Restauri di Imola (Bologna), e a Maria Letizia Antoniacci di Faenza.

Il piano conservativo, realizzato d’intesa con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Ravenna, ha preso avvio da un imponente intervento di disinfestazione reso necessario da episodi di contagio da insetti xilofagi: l’obiettivo è assicurare ai dipinti su tavola, e in generale agli apparati lignei di telai e cornici, la profilassi propedeutica all’intervento conservativo.

I tre restauratori che si stanno occupando del recupero dei dipinti