Recuperati 620 chili di materiale in un campo nomadi

Una persona arrestata, due denunciate, e il sequestro di un ingente quantitativo di rame. Questo il bilancio di un controllo effettuato, sabato scorso, da personale della Squadra Anticrimine del Commissariato di P.S. di Faenza, in un campo nomadi nella periferia della città.

Il cittadino bosniaco, S.A. del 1973, è stato arrestato perché clandestino. Nel campo però c’era anche “oro rosso”, frutto sicuramente di furti. In questo caso sono stati deferiti in stato di libertà, per ricettazione in concorso, due nomadi.
 

Il rame sequestrato, dal peso complessivo di 620 kg, consiste in 179 spezzoni di cavo già tagliato in pezzi ed in una matassa con rivestimento isolante, il cui valore sul mercato è diverse migliaia di euro: era stato accatastato in un ambiente del campo nomadi, nascosto sotto alcune coperte nella stanza dove dormivano i due individui poi indagati.
Nel corso dell’operazione si è proceduto anche al sequestro di un veicolo parcheggiato nel campo nomadi.