Ieri a Faenza i Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno arrestato R.O,  per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, furto e detenzione a fini di spaccio di stupefacenti.

l’uomo è un tunisino classe 1978, domiciliato a Faenza, con precedenti di polizia.
Nel pomeriggio di ieri i militari notavano una Bmw rubata ad Imola che il 30 maggio aveva investito un ciclista a Faenza, dandosi poi alla fuga.
Predisposto un servizio di osservazione, gli operanti sorprendevano successivamente lo stanirero aprire l’auto rubata con le relative chiavi.
Alla vista dei militari, l’uomo tentava di fuggire di corsa, opponendo resistenza ai militari e procurando a due di essi lesioni guaribili in pochi giorni.

 

Nel corso della perquisizione a casa dell’uomo, i militari hanno trovato e sequestrato 17,8 grammi di eroina custoditi in un involucro in cellophane.
L’uomo è stato anche riconosciuto dal proprietario della Bmw quale autore del furto del veicolo.
Sono ancora in corso le indagini per identificare il conducente dellìauto rubata che investiva il ciclista in Corso Garibaldi a Faenza, al fine di attribuire le responsabilità della fuga ed omissione di soccorso.
Trascorsa la notte in camera di sicurezza, questa mattina l’uomo è comparso davanti al Tribunale di Ravenna su rito direttissimo, dove ha patteggiato per i reati commessi 1 anno e 4 mesi di reclusione e 4000 euro, rimesso in libertà.