Il 68enne è stato fermato per un controllo alle porte di Perugia

Da pensionato a corriere della droga. E’ successo ad un pensionato di 68 anni di Cervia, sorpreso a viaggiare sull’E45 con circa otto chili di hashish nascosti nell’auto.

L’uomo è stato arrestato dagli agenti della squadra mobile di Perugia insieme ad un cittadino marocchino di 29 anni, che secondo le prime ricostruzioni sarebbe stato il committente a cui era destinata la droga. Gli 80 panetti sequestrati avrebbero fruttato sul mercato dello spaccio un bottino di oltre 80mila euro.
L’episodio è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato quando gli agenti, all’altezza dell’uscita della superstrada per Bosco, hanno fermato un’auto su cui viaggiavano tre cittadini maghrebini di ritorno da Cervia. I controlli non hanno rilevato niente di illegale ma poco dopo sullo stesso tratto è arrivata l’auto condotta dal pensionato dove, nel vano destinato alla ruota di scorta, sono stati ritrovati gli otto chili di hashish.
L’ipotesi è che l’auto su cui viaggiavano gli stranieri avrebbe dovuto fungere da ‘trappola’ per le forze dell’ordine: attirando l’attenzione avrebbe infatti dovuto lasciare campo libero al 68enne. Il pensionato si trova ora agli arresti domiciliari mentre il 29enne è stato condotto al carcere di Capanne. Sembra che la droga fosse destinata al mercato di Perugia.