L’uomo ospitava anche un moldavo irregolare

I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Faenza hanno denunciato in stato di libertà per “ricettazione” un rumeno da tempo residente a Faenza sorpreso in possesso di 4 biciclette di provenienza illecita, sequestrate e portate in caserma, dove sono tuttora in corso accertamenti tesi all’individuazione dei legittimi proprietari (in particolare ci sono due city bike di marca, in ottime condizioni, aventi valore di mercato di fascia medio-alta).

L’uomo, titolare di regolare contratto di affitto, è stato anche sanzionato perché aveva dato ospitalità ad un moldavo sprovvisto di documenti e di fatto privo di qualsiasi recapito sul territorio nazionale, senza informare l’autorità di pubblica sicurezza così come previsto dalla vigente normativa sull’immigrazione, che prevede l’obbligo entro quarantotto ore di dare comunicazione per chiunque dia alloggio ovvero ospiti uno straniero non appartenente all’Unione Europea.

L’attività ha trovato origine dalla segnalazione di alcuni cittadini che avevano segnalato un sospetto “via vai”  di stranieri da un’abitazione sita nei pressi della stazione ferroviaria di Faenza; dopo aver effettuato le opportune verifiche i carabinieri hanno fatto ingresso nell’appartamento per verificare chi effettivamente vi abitasse ed a quale titolo (spesso accade che malintenzionati, a volte forestieri, dediti alla consumazione di reati predatori – ad esempio i furti in abitazione -  ricorrano all’espediente di trovare “appoggio” e quindi ospitalità momentanea presso la dimora di connazionali o conoscenti, con il fine di rendere difficoltoso il loro rintraccio potendo contare sull’assoluto anonimato).