Evento promosso dal gruppo “La bella Marina”

Marina di Ravenna riscopre la sua identità e la sua storia, di cui è orgogliosa. E lo fa ritrovando immagini e ricordi grazie all’impegno dell’Associazione culturale “La bella Marina” che ha dato vita anche a un gruppo su Facebook con oltre mille iscritti.

Come spiegano i promotori, mesi di attività alla ricerca di ricordi, vecchie fotografie e racconti raccolti nell’ultimo anno troveranno il loro massimo momento di espressione e condivisione col pubblico in uno spettacolo che avrà luogo sabato 14 giugno alle 20.30 – compatibilmente con le condizioni meteorologiche – sullo sfondo del canale Candiano dove ormeggiano i pescherecci. Il programma si aprirà con una inedita esecuzione della canzone “Romagna mia”, arrangiata, in occasione del 60° anniversario di questo pezzo simbolo della nostra terra, dal maestro  Jacopo Rivani. Sarà lo stesso Rivani a intonare con la tromba le prime note della canzone che sarà ripresa dal pianoforte.

Seguirà Pietro Civenni con la recitazione di una famosa poesia di Lorenzo Stecchetti dedicata a Marina,  e poi proiezioni di fotografie storiche commentate da esperti del luogo, e dei disegni realizzati dagli alunni dell’Istituto comprensivo del Mare, se dei quali, alunne, leggeranno i alcuni brani tratti dal libro “Le Azdore di Marina raccontano”, edito da La Tarantola.

Nel corso della serata verrà consegnata a Jacopo Rivani (giovanissimo direttore d’orchestra di Marina di Ravenna) una targa in riconoscimento del suo impegno e talento nel campo musicale.

La partecipazione dei bambini all’evento riflette il ruolo importante che ha avuto in questo evento l’istituto scolastico, e rappresenta un felice esempio di una scuola che si apre al territorio e coinvolge gli alunni, alla scoperta del loro territorio e della storia del loro paese, grazie alla collaborazione del Preside Giancarlo Frassinetti e della professoressa S. Beccari.

Il coinvolgimento degli alunni è avvenuto con la realizzazione di disegni con il tema “mio paese”: il suo legame con il mare e la pesca, la sua storia e le sue bellezze dopo aver visitato i luoghi più caratteristici, dal porto ai pescherecci. Non solo uno sguardo innamorato alla propria storia per ritrovare un senso di “comunità” ma uno sguardo al futuro attraverso la fantasia e la creatività dei nostri bambini.

L’assessore alla cultura Ouidad Bakkali ha espresso apprezzamento al lavoro dell’associazione “La bella Marina” sottolineando come “il percorso intrapreso attraverso i social network stia contribuendo a rafforzare realmente i legami sociali e il senso di appartenenza degli abitanti alla comunità di Marina di Ravenna”. Alice Maraldi, presidente del Consiglio territoriale del mare  ha dichiarato il massimo sostegno alle attività dell’Associazione mettendo in evidenza il valore del coinvolgimento di anziani e bambini alla realizzazione del progetto. Mauro Feletti dell’associazione ha spiegato come si è svolto il lavoro di recupero delle foto d’epoca che raffigurano fatti, personaggi e luoghi del secolo scorso che hanno caratterizzato la vita  del paese, le cui origini risalgono ad alcuni secoli fa quando pescatori chioggiotti e marchigiani decisero di risiedervi. Mauro Mambelli, vice presidente Confcommercio ha espresso adesione al progetto “perché  valorizza gli aspetti sociali e di relazione di cui i negozi sono stati spesso teatro, veicolando notizie sulla vita di paese, favorendo il senso di appartenenza.