Legambiente A. Cederna, “Ma il mondo economico si sta mobilitando”

Nei giorni scorsi il circolo Legambiente A. Cederna ha riacceso l’attenzione sul tema del trasporto ferroviario ed in particolare della potenzialità del collegamento tra la Romagna e Firenze attraverso la ferrovia faentina, “un collegamento veloce, economico e sostenibile, che potrebbe rappresentare un volano all’offerta turistica sul triangolo Ravenna, Ferrara, Firenze e un servizio al territorio”, come ha spiegato l’associazione. Legambiente ha perciò lanciato in un video-reportage un appello ai sindaci di Ravenna e Lugo e al presidente dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna per sviluppare il trasporto ferroviario sulla ferrovia faentina e oltre.

“Un appello che è stato raccolto dai consiglieri regionali Thomas Casadei del PD e Gabriella Meo dei Verdi – spiega Legambiente – mentre Roberto Balzani, candidato alle primarie del PD ha parlato della necessità di ripensare il sistema di mobilità con una ‘cura del ferro’. Sul tema sono intervenuti anche il sindaco di Brisighella, le Confesercenti provinciali di Ravenna e Firenze e altri operatori turistici ed economici, mente FIAB ha tracciato l’itinerario treno+bici tra le due città, segnale che da molte parti si è capita la grande potenzialità per l’ambiente e l’economia turistica che avrebbe una vera estensione del ‘Treno di Dante’ alla Bassa Romagna e a Ravenna”.

“Purtroppo mancano ancora all’appello i sindaci – ha dichiarato Yuri Rambelli, Presidente del circolo Legambiente ‘A. Cederna’ – in particolare quelli di Ravenna e Lugo e l’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, cioè i soggetti che dovrebbero essere maggiormente interessati a realizzare un collegamento ferroviario veramente sostenibile”.

In questi giorni è in pieno svolgimento la settimana europea della mobilità sostenibile, il Comune di Ravenna ha aderito ad una serie di iniziative, mentre quello di Lugo, all’interno della fiera biennale parla, assieme all’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, di Futuro Green 2020.

“Ci chiediamo in cosa consista questa idea di mobilità sostenibile e di futuro green – ha aggiunto Rambelli – se alla fine circa il 95% degli investimenti e la stragrande maggioranza degli appelli degli amministratori pubblici finiscono nella richiesta di nuove strade. Spesso si accusano gli ambientalisti di fare solo protesta e non proposta, a nostro avviso una polemica strumentale per non voler entrare nel merito delle questioni, ma abbiamo raccolto la sfida e fatto una proposta concreta, dai costi contenuti e realizzabile subito. Risposte dai sindaci per il momento non ne abbiamo viste”.

Il racconto del viaggio dimostrativo realizzato da Legambiente tra Lugo e Firenze con la formula treno+bici è visibile sul sito www.terramagazine.it assieme alle foto scattate durante il viaggio.