I lavori, che avranno un costo di 593.344 euro, partiranno il 20 ottobre

Nella settimana dal 20 al 25 ottobre prenderanno il via i lavori di riqualificazione di via Ramenghi, nell’ambito di un progetto più ampio che coinvolgerà successivamente diverse vie del centro storico. “In programma ripavimentazioni stradali, rifacimento di fognature e sottoservizi, estensione della rete wireless e della videosorveglianza e nuova illuminazione a led – spiega il Comune -.  Per limitare i disagi, il cantiere sarà suddiviso per stralci. Il progetto complessivo, con alcune ipotesi relative alla tempistica, è stato illustrato nella serata di martedì 23 settembre in un incontro rivolto ai residenti e ai titolari di attività economiche delle zone interessate dai lavori, al Consiglio di Zona di Bagnacavallo e alle associazioni di categoria degli artigiani e dei commercianti. I primi lavori ad iniziare saranno quelli di via Ramenghi, dove si scaverà per rimettere a nuovo le fognature e i sottoservizi. Verrà poi posizionata la nuova pavimentazione in pietra albarese. Lo storico marciapiede esistente sarà smontato e rimontato con lo stesso materiale, salvo la sostituzione degli elementi deteriorati e la realizzazione delle necessarie integrazioni.

 

Il passo successivo riguarderà la via Dei Martiri, anche qui si scaverà per rimettere a nuovo fognature e sottoservizi. La nuova pavimentazione sarà in acciottolato, mentre ai bordi e al centro verranno realizzate fasce in pietra albarese. Le fasce laterali saranno larghe 1 metro, per consentire un agevole transito ai ciclisti e ai pedoni e agli utenti deboli della strada. Al centro della carreggiata – continua il Comune –  verrà realizzata una canaletta per la raccolta di acque piovane. Tale nuova sistemazione interesserà anche piazza Carducci, dove si ricongiungerà alla pavimentazione in acciottolato esistente. Grazie al ribasso economico offerto dalla ditta aggiudicataria, l’Amministrazione inserirà nei lavori previsti anche l’attuazione di alcuni interventi in via De Amicis, dove le fasce in pietra attualmente esistenti saranno raddoppiate in modo da consentire, anche in questo caso, un transito più agevole per ciclisti e pedoni e utenti deboli della strada.

In piazza Carducci saranno inoltre effettuati piccoli interventi di sistemazione delle aiuole esistenti.

 

Il bando e la formula di assegnazione dei lavori non teneva conto solo dell’offerta economica più vantaggiosa, bensì anche delle proposte mirate a migliorare il progetto iniziale.

Grazie a questa clausola è stato possibile acquisire e valutare positivamente integrazioni offerte dalla ditta esecutrice che riguardano in particolar modo elementi di arredo urbano ma anche nuovi tratti di strada da ripavimentare.

Tra questi, i lavori su due tratti della via Mazzini. Nella prima parte, dall’incrocio con via Baracca a quello con via Battisti, l’asfalto verrà sostituito da una pavimentazione in pietra albarese del tutto simile a quella in essere in piazza della Libertà, con la quale si ricongiungerà, mentre, nel secondo tratto, nei pressi di Porta Superiore, verrà sistemato il camminamento che costeggia la carreggiata stradale e sarà realizzato un ‘tappeto’ in pietra simile alla pavimentazione di piazza della Libertà, nei pressi di via Dei Martiri.

 

Il secondo capitolo dell’intervento riguarda il risparmio energetico nella pubblica illuminazione di varie zone del centro storico: in particolare, verranno sostituite le vecchie lampade a ioduri con led di ultima generazione e più economici per le casse comunali. Tra le varie aree interessate troviamo piazza della Libertà, via Mazzini, via Matteotti, Piazza Nuova e il comparto dell’ex convento di San Francesco. In più, arriveranno nuovi elementi di pregio per illuminare la Torre Civica e i campanili delle chiese di San Michele e di San Francesco.

 

Assieme ai nuovi punti di illuminazione a forte risparmio energetico, verranno estese anche la rete wireless, in particolare nei luoghi più frequentati: via Mazzini, piazza Nuova, e convento di San Francesco, e la rete di videosorveglianza (11 nuovi punti). In piazza della Libertà la rete wireless è già attiva ed è fruibile previa auto registrazione con il sistema di autenticazione digitale “Federa” (Federazione degli Enti dell’Emilia-Romagna per l’autenticazione).

 

L’intervento – conclude l’amministrazione – per un importo complessivo di 593.344 euro (Iva esclusa), finanziato grazie anche a un contributo regionale che copre il 49% della spesa, è stato aggiudicato al raggruppamento temporaneo di impresa composto da Impresa Zambelli di Galeata e Consorzio Ceir di Ravenna. Il consorzio ha infine individuato la ditta Gef di Fusignano quale esecutrice dei lavori elettrici”.