L’interrogazione del capogruppo LN Paolo Guerra

“La località e la comunità di Lido di Classe si fondano per buona parte sulle attività legate al turismo e sull’imprenditoria balneare con una diffusa presenza di stabilimenti, alberghi e ristoranti”, ha esordito così Paolo Guerra, capogruppo Lega Nord Romagna, nella sua interrogazione presentata in consiglio comunale sui motivi che hanno impedito di organizzare quest’anno il Gran Galà di Pattinaggio a Lido di Classe. Guerra continua: “Diverse sono le problematiche che caratterizzano questo tratto di costa, legate non solo agli aspetti geo morfologici (limitata profondità della spiaggia, subsidenza, etc.), ma anche ad una serie di problematiche puntualmente esposte a cadenza annuale dalla Pro Loco; anche per i limiti sopra richiamati, ma soprattutto per il suo sviluppo turistico, Lido di Classe necessita di valorizzare qualsiasi iniziativa e/o manifestazione che possa soddisfare le aspettative dei turisti e dei fruitori di questa località. Da 30 anni – spiega Guerra – veniva organizzato annualmente il Gran Galà del Pattinaggio che raccoglieva centinaia di praticanti e campioni italiani, europei e mondiali per esibirsi con al seguito famiglie, organizzatori e fedeli spettatori. L’ultima edizione, già con cambiamenti organizzativi drastici rispetto alle precedenti, si è svolta il 4 agosto 2014 e nel 2015, nel silenzio più totale, è stata trasferita nel Comune di Cervia. Questa manifestazione andrebbe considerata un vero patrimonio per questa località del Comune di Ravenna e l’Amministrazione comunale, per quanto possibile, aveva il dovere di mantenerla qui.

La Pro Loco di Lido di Classe in data 14 luglio 2015 ha inviato una comunicazione ai capigruppo del Consiglio Comunale denunciando che questa estate, per la prima volta dopo 30 anni, detta manifestazione non si è tenuta a causa di alcune anomalie alle strutture del Centro Sportivo nel quale si svolgeva l’iniziativa note dal 2014; dette anomalie richiedevano alcuni interventi sulla pista e sulla tribuna che, mai realizzati, hanno costretto ad organizzare il Gran Galà del Pattinaggio nel 2014 in un sito decentrato e a costi decisamente superiori e, nel 2015, addirittura in un’altra località, presso il Comune di Cervia. Vi sarebbero stati i tempi per sistemare questa anomalia – prosegue Guerra – e la stessa Amministrazione comunale fu chiamata con ampio anticipo a svolgere dette riparazioni affinché si potesse mantenere il Gran Galà a Lido di Classe. Risulta che le tribune, inutilizzabili per Lido di Classe, siano state trasferite presso Castiglione di Ravenna ed impiegate per il campo di calcio senza poi trovare alcuna valida alternativa per Lido di Classe.”

A questo proposito Paolo Guerra ha interrogato sindaco e assessore competente per sapere “Quali siano le situazioni attuali in merito alla vicenda ed i motivi per i quali le tribune e la pista non sono state adeguate  lasciate in loco;

in capo a chi fosse la competenza per l’adeguamento di queste due strutture inserite all’interno del Centro Sportivo;

quando e se sono previste soluzioni alternative per ospitare nuovamente il Gran Galà del Pattinaggio che rappresentava un evento di straordinaria importanza e portava a Lido di Classe affluenza ed interesse turistico e che, in assoluto silenzio, è stata spostata nel Comune di Cervia. E, infine, le motivazioni per le quali non sia stato avvisato preventivamente l’Ente organizzatore di tale spostamento delle tribune e non sia stata data ancora risposta alla lettera della Pro Loco dello scorso 14 luglio 2015”.