Nel corso dei controlli è emerso che l’uomo era gravato da un decreto di espulsione

Stava guidando l’auto nonostante la sua patente risultasse sospesa, a tempo indeterminato, dal 2013.  Inoltre, nel corso dei controlli, è emerso che a carico del conducente sussisteva un decreto di espulsione rilasciato dal Questore di Forlì oltre a vari reati contro la persona.

E’ quanto appurato dalla Polizia Municipale di Ravenna, nell’ambito di verifiche disposte con specifica ordinanza del Questore, nei giorni scorsi, in viale Randi, nei confronti di un 42enne, di nazionalità cubana, residente nel forlivese.

L’uomo viaggiava con un connazionale quando gli agenti gli hanno intimato l’alt. Considerate le irregolarità accertate, al fine di approfondire le verifiche, i due sono stati accompagnati al Comando.

Ultimate le indagini si è constata la presenza di un ricorso avverso il provvedimento di espulsione e che la Questura, proprio in questi giorni, stava vagliando la sua situazione, ai sensi della normativa di riferimento.

Gli agenti hanno proceduto quindi con la redazione degli atti previsti e al contestuale fermo del mezzo.

Un altro automobilista “irregolare” è stato individuato dagli agenti dell’Ufficio Mare, a Punta Marina Terme. Si tratta di un 72enne, italiano, residente in provincia di Forlì.

Nello specifico l’uomo era sprovvisto di assicurazione, risultata scaduta da oltre un anno. Inoltre il veicolo da lui condotto, come da visura effettuata tramite centrale operativa, risultava gravato da fermo fiscale, emesso dalla società di riscossione Equitalia, per un importo pari ad oltre 40.000 euro.

In conseguenza delle violazioni rilevate si è proceduto nei suoi confronti con l’applicazione delle relative sanzioni.