Esito positivo per 18 comuni i cui uffici erano stati chiusi da Poste Italiane

Ha avuto esito positivo il ricorso al TAR di 18 comuni contro la chiusura di alcuni uffici postali sul territorio emiliano-romagnolo. Tra i facenti ricorso anche l’ufficio postale di Brisighella.

Il 3 febbraio 2015 Poste Italiane annunciava la cessazione di alcuni uffici postali ubicati nelle frazioni di una ventina di comuni. Immediatamente i Comuni interessati, con il supporto operativo e di coordinamento di ANCI Emilia-Romagna, manifestarono tutta la loro contrarietà, ottenendo che le chiusure fossero procrastinate, finché il primo luglio fu comunicata la definitiva chiusura a partire dal 7 settembre.

A quel punto, nel rispetto della legge, i Sindaci, in coordinamento con ANCI Emilia Romagna, presentarono ricorso al TAR, in gran parte attraverso un incarico congiunto all’Avv. Prof. Andrea Maltoni, che ha permesso anche un importante risparmio sulle spese a carico di ogni Comune ricorrente.

Dopo l’esito positivo del ricorso tutti hanno ottenuto una sospensiva del provvedimento di chiusura, che dispone l’immediata riapertura degli uffici postali chiusi, fino all’udienza pubblica dell’11 maggio 2016, nel corso della quale il giudice si esprimerà nel merito con sentenza definitiva.


“La pronuncia del TAR – dichiara Fabio Fecci, vicepresidente vicario di ANCI Emilia Romagna e sindaco di Noceto – è un provvedimento importante, perché si pone a tutela di un servizio che assolve ad una funzione sociale sul territorio e consente di mantenere un presidio nelle zone periferiche che concorre a migliorare la qualità della vita dei residenti. Non ha senso rammaricarsi del progressivo spopolamento delle nostre campagne se poi si continuano a sottrarre servizi pubblici importanti a territori già in condizioni di difficoltà.

Un risultato importante che premia l’azione condivisa fin dall’inizio e che ha portato alla riapertura di 18 uffici postali su 20. Resta infatti in attesa l’ufficio postale di Frassinoro (MO), mentre per Camugnano (BO) un’ordinanza impegna Poste Italiane a negoziare con il Comune le condizioni per un’eventuale riapertura in attesa di pronunciamento definitivo del TAR.

Ecco l’elenco dei comuni, divisi per provincia, che hanno ottenuto la riapertura:

 

Provincia di Ravenna

Brisighella

Provincia di Bologna

  • Medicina
  • Granaglione
  • Imola
  • Lizzano in Belvedere

Provincia di Forlì/Cesena

  • Predappio
  • Meldola
  • Civitella di Romagna

Provincia di Rimini

  • Montefiore Conca

Provincia di Reggio Emilia

  • Collagna

Provincia di Parma

  • Noceto
  • Torrile
  • Mezzani
  • Langhirano

Provincia di Piacenza

  • Gossolengo
  • Carpaneto Piacentino
  • Monticelli d’Ongina
  • San Giorgio Piacentino