Sarà possibile svolgere solo spettacoli pirotecnici autorizzati

Anche a Cervia botti vietati a Capodanno. Il Sindaco Coffari, infatti, ha emanato un’ordinanza che proibisce di usare botti, petardi e altri oggetti esplodenti e fortemente rumorosi non autorizzati, su tutto il territorio comunale, in occasione della vicina festa.

In specifico il divieto è esteso anche ai giorni precedenti e successivi alla festa e riguarda il 30-31 dicembre, 1- 2 gennaio e a tutti i luoghi pubblici, oppure aperti al pubblico, e a luoghi privati siti all’interno dei centri abitati e nelle adiacenze delle carreggiate stradali, marciapiedi, aree verdi e viali alberati.

L’ordinanza intende promuovere un’attività di prevenzione, evitando episodi di disturbo e turbativa alla quiete delle persone ed il danneggiamento a persone o cose.

Il provvedimento è a tutela dell’incolumità pubblica, sia come integrità fisica della popolazione, sia per la sicurezza urbana, nel rispetto delle norme che regolano la convivenza civile, per la protezione del patrimonio pubblico e degli animali sul proprio territorio.

Infatti sono molto alti i rischi di incidenti per l’uso di tali artifizi pirotecnici da parte di persone non specializzate, ed è importante prevenire il disagio che l’utilizzo di tali prodotti può provocare soprattutto ai bambini in tenera età e a famiglie con carrozzine, che affollano le zone del centro per le tradizionali feste  e per divertirsi senza rischio di incidenti.

Inoltre si intendono prevenire anche situazioni di panico causate da rumore e conseguenti effetti traumatici agli animali da affezione e ad animali selvatici. Il rumore infatti può  ingenerare in loro una forte reazione di spavento, che li porta frequentemente a perdere l’orientamento, esponendoli anche al rischio di smarrimento e ad investimento con ulteriori gravi pericoli per la sicurezza della circolazione stradale.

L’ordinanza prevede anche che gli organizzatori delle manifestazioni pirotecniche debitamente autorizzate nel corso dell’anno, debbano garantire una preventiva informazione relativa all’evento in cui vengono utilizzati tali materiali, attraverso manifesti e volantini, in modo da informare preventivamente la popolazione.

In particolare per le iniziative di minor rilevanza e poco conosciute, come eventi privati o similari che comunque sono debitamente autorizzate e che utilizzano prodotti pirotecnici rumorosi, è necessario da parte degli organizzatori avvisare preventivamente ed in modo capillare la popolazione e cittadini contermini della zona di svolgimento, attraverso volantinaggi nelle buchette della posta, affissioni di manifesti nelle modalità autorizzate e social network.

Nell’ordinanza vi sono contenute anche alcune raccomandazioni ai possessori di animali domestici come ad esempio: evitare di lasciarli all’aperto in quanto la paura fa compiere loro gesti imprevedibili, il primo è la fuga; non lasciare i cani sul balcone perché il rumore è maggiore e potrebbero gettarsi nel vuoto; cercare di minimizzare l’effetto dei botti tenendo accese radio o tv, specie se gli animali sono soli; nei casi di animali anziani, cardiopatici e/o particolarmente sensibili allo stress dei rumori rivolgersi con anticipo al veterinario.

I trasgressori saranno puniti con la sanzione amministrativa da  euro 25,00 ad euro 500,00.

 

L’ordinanza è la stessa emessa per la festa di Hallowen.