Per il superamento dei livelli massimi di polveri sottili

Superamento del livello massimo di polveri sottili nell’aria

Il bollettino Liberiamolaria di oggi – giovedì 3 gennaio – ha evidenziato nel nostro territorio il superamento per tre giornate consecutive dei limiti consentiti dei valori di Pm10, come avvenuto in altre aree dell’Emilia Romagna.

Misure attive dal 4 al 7 gennaio

Pertanto, a partire da domani – venerdì 4 gennaio – e fino a lunedì 7 gennaio incluso, scattano anche a Faenza le misure di emergenza previste dal Pair (Piano aria integrato regionale).

Ecco quali sono le ulteriori limitazioni 

  • Le misure emergenziali, che si aggiungono a quelle ordinarie stabilite dall’ordinanza n. 24 del 2018 per il periodo compreso da ottobre 2018 a marzo 2019, prevedono lo stop alla circolazione, dalle ore 8.30 alle 18.30, per tutti i veicoli diesel Euro 4, nell’area urbana già interessata dalle limitazioni del traffico, e il divieto per tutti i veicoli di sostare con il motore acceso.

Altre misure riguardano inoltre gli impianti di riscaldamento:

  • riduzione delle temperature medie nelle abitazioni di almeno un grado centigrado (fino a un massimo di 19°C) e fino a un massimo di 17°C nei luoghi per le attività ricreative, negli spazi commerciali e nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali. Sono esclusi da queste misure ospedali e case di cura, scuole e luoghi che ospitano attività sportive;
  • divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) installati in zone sotto i 300 metri di altitudine, aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe “4 stelle”;
  • divieto assoluto di combustioni all’aperto (residui vegetali, falò, barbecue,…);
  • divieto di spandimento dei liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili.

 

Tutte queste misure resteranno in vigore fino al primo giorno di aggiornamento del bollettino di Arpae e saranno prorogate nel caso i livelli rimangono superiori alla soglia.