Il presunto responsabile è stato individuato attraverso un’attenta analisi delle immagini degli impianti di video sorveglianza

I Carabinieri della Compagnia di Cervia – Milano Marittima, lunedì scorso, hanno rintracciato e arrestato un pregiudicato cervese di 42 anni, indiziato di essere responsabile di un furto e due rapine commesse in primavera nella città dei salinari, destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Ravenna, che concordava pienamente con le indagini poste in essere dallo stesso Comando.

In particolare, nel mese di aprile l’arrestato avrebbe compiuto un furto, in orario notturno, in un ristorante della zona, impossessandosi della somma di 150 euro presente nella cassa. A distanza di 20 giorni, con volto travisato, si sarebbe poi recato in un hotel vicino allo stesso ristorante ristorante e, dietro minaccia di un coltello, si sarebbe fatto consegnare dal portiere l’incasso della giornata, pari a 2.000 euro.

Il giorno successivo, invece, il malvivente, ancora una volta con volto parzialmente travisato e di notte, sempre dietro minaccia di un coltello, si sarebbe fatto consegnare il portafoglio dal proprietario del ristorante oggetto del furto 20 giorni prima.

È stata un’attenta analisi delle immagini degli impianti di video sorveglianza posti nella zona a permettere ai Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di individuare il responsabile che in passato è risultato aver lavorato per ambedue gli esercizi commerciali defraudati. L’uomo è stato tradotto presso il carcere di Ravenna, ove si trova tutt’ora ristretto.