Il velocipede, liberato dal palo a cui era legato non senza difficoltà, è stato restituito al legittimo proprietario

La Polizia Locale della Romagna faentina ha identificato e denunciato nei giorni scorsi un minorenne di 17 anni, di origini straniere, responsabile del furto di una bicicletta in pieno centro a Faenza. Il ragazzo, che aveva rubato la bicicletta in Corso Mazzini, il pomeriggio del 9 febbraio, ha cominciato ad usarla tranquillamente, tanto che il legittimo proprietario, anche lui un ragazzo appena maggiorenne di origini straniere, un paio di sere fa, ha potuto notare la propria bicicletta in Corso Garbaldi, legata ad un palo dell’illuminazione pubblica con una robusta e pesante catena antifurto.

Il derubato ha chiamato immediatamente la Polizia Locale, che ha provveduto, a fatica, a tagliare la catena e a riconsegnare la bicicletta al legittimo proprietario. Gli operatori hanno poi visionato le telecamere di videosorveglianza e individuato il ragazzo che usava in maniera continuativa la bicicletta rubata. Lo stesso era già stato identificato dagli agenti manfredi per problematiche relative agli stupefacenti. Convocato in Comando con i genitori, per dare spiegazioni sulla provenienza del veicolo oggetto di furto, il ragazzo ha ammesso subito di essere lui l’autore del furto.

Per tale motivo è stato denunciato alla Procura della Repubblica per i minori di Bologna ai sensi dell’art 624 del cp. È già il decimo minore identificato e denunciato per furto di biciclette a Faenza dalla Polizia Locale nell’ultimo periodo, grazie alle immagini della videosorveglianza cittadina: in tutti e dieci i casi le biciclette sono tornate in possesso dei legittimi proprietari.

In quest’occasione il ladro aveva preso senza dubbio più precauzioni del proprietario legittimo, visto che aveva assicurato come detto a un palo dell’illuminazione pubblica la bicicletta rubata con un lucchetto di sicurezza che ha impegnato gli agenti per diversi minuti, nonostante fossero forniti di pesanti tronchesi. La raccomandazione, visto l’elevato numero di furti di velocipedi, è pertanto quello di chiudere sempre i veicoli, munendosi di idonei sistemi di sicurezza al fine di rendere più complicato il furto.