Banda di origini rom armata di spranghe e sassi

I Carabinieri hanno bloccato un tentativo di spedizione punitiva da parte di una banda di origini rom, partita dal ravennate e diretta nel vicentino, armata di spranghe di ferro e sassi.

L’operazione ha portato all’arresto di quattro individui.

Come riporta l’Ansa, a richiedere l’aiuto delle forze dell’ordine è stata una donna, anch’essa appartenente a una famiglia rom, residente nel vicentino la quale ha riferito ai militari di essere stata minacciata di morte da parte di alcuni connazionali, i quali avevano annunciato via Facebook di essere in viaggio dal ravennate. La donna ha raccontato di essere stata vittima di un tentativo di estorsione da parte di alcuni soggetti che, per permettergli di vivere in Italia pretendevano gli fossero versati 50.000 euro.