In casa la Polizia ha sequestrato anche 260 euro in contanti ritenuti provento dell’attività di spaccio

La Polizia di Stato, ha arrestato un 32enne cittadino albanese per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel pomeriggio di ieri, giovedì 28 maggio, nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del rispetto delle disposizioni finalizzate a scongiurare la diffusione del contagio da COVID-19, predisposti dal Questore di Ravenna dr.ssa Loretta Bignardi, gli agenti della Squadra Mobile hanno proceduto al controllo di un’autovettura Volkswagen. All’atto dell’identificazione il conducente, risultato essere pregiudicato per reati in materia di sostanze stupefacenti, contrabbando di tabacchi e violazione delle norme di soggiorno sul T.N., ha evidenziato un ingiustificato nervosismo inducendo gli investigatori della Squadra Mobile ad approfondire la verifica.

La perquisizione ha permesso di rinvenire e sequestrare un panetto di sostanza stupefacente del tipo cocaina, risultato del peso di un kilo, che era stata occultata sotto al sedile del passeggero anteriore. Estesi i controlli anche all’abitazione del 32enne, i poliziotti hanno proceduto al sequestro della somma di 260 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio atteso che l’uomo non è risultato svolgere alcuna attività lavorativa. Al termine delle formalità di legge, il 32enne è stato dichiarato in stato d’arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e associato alla Casa Circondariale di Ravenna.