Il materiale sequestrato nell'abitazione

La droga ritrovata nell’appartamento di un cittadino albanese, scovato dopo lo scambio di denaro tra il cugino e un terzo uomo

Maxi sequestro di droga nel pomeriggio di ieri, martedì 9 giugno, quando la Polizia di Stato ha arrestato un cittadino albanese trovato in possesso di oltre 3 kg di cocaina, occultata presso la sua abitazione di Massa Lombarda. Nella medesima operazione sono stati indagati in stato di libertà altri due cittadini albanesi, nei confronti di uno dei quali sono stati sequestrati 172mila euro in contanti.

Nel dettaglio agenti della Sezione Antidroga della Squadra Mobile di Ravenna e del Commissariato P.S. di Lugo, durante lo svolgimento delle quotidiane attività di contrasto ai reati inerenti gli stupefacenti, hanno individuato una Mercedes condotta da un uomo, poi identificato nel cittadino albanese di 30 anni, disoccupato e residente a Massa Lombarda, che transitando in una zona commerciale del comune ravennate, sostava nei pressi di una bisarca con targa albanese in compagnia di un altro uomo, poi identificato in un 49enne cittadino albanese residente in Albania.

Le modalità dell’incontro tra i due uomini, durante il quale gli operanti hanno notato lo scambio di alcune borse, hanno indotto i poliziotti ad effettuare un controllo dell’autoarticolato, che nel frattempo si era allontanato in direzione di Imola.

Il denaro sequestrato

All’interno di un vano del cruscotto della bisarca, gli agenti hanno rinvenuto circa 172mila euro di denaro contante, che era stato suddiviso in numerosi pacchetti di materiale plastico, in ordine ai quali l’autista non è stato in grado di fornire plausibili spiegazioni. Pertanto, anche il piu giovane è stato rintracciato a Massa Lombarda presso la propria residenza e perquisito.

Lo svolgimento delle indagini e degli accertamenti effettuati sul posto hanno permesso di individuare nel predetto stabile condominiale l’abitazione del cugino del 30enne, dove è stata eseguita una ulteriore perquisizione che si è quindi conclusa col sequestro di oltre 3 kg di cocaina, di materiale vario per il confezionamento della droga e di sostanza da taglio.

Per questi motivi, proprio il cugino del primo perquisito, cittadino albanese di 29 anni, operaio incensurato, è stato arrestato e condotto in carcere a Ravenna. Le indagini in corso sono coordinate dalla Procura della Repubblica di Ravenna, con particolare riguardo alla provenienza e destinazione dell’ingente somma di denaro che nel contesto è stata sottoposta a sequestro preventivo ai fini dell’eventuale confisca.