Rinnovata la precedente ordinanza che scadeva il 30 giugno

In considerazione degli effetti positivi della precedente ordinanza in vigore fino al 30 giugno, che ha permesso il contenimento di fenomeni di degrado urbano e ambientale, tutelando la sicurezza, è stata emanata dal Comune di Ravenna un’analoga ordinanza che vieta dall’1 luglio al 31 ottobre la vendita e l’erogazione di alimenti e bevande tramite apparecchi automatici in locali privi della costante presenza di responsabili, preposti o altri incaricati del presidio e della sorveglianza, nella zona tra isola San Giovanni, giardini Speyer ed aree limitrofe di piazza Anita Garibaldi, via Carducci e le laterali via San Giovanni Bosco e parco Amadesi e via Monghini, viale Farini, piazzale Farini, viale Pallavicini, via Alberoni (nel tatto fra viale Pallavicini e via Candiano), piazza Mameli, via Maroncelli (nel tratto tra viale Farini e via Colonna), via di Roma nel tratto tra via Carducci sino a via Rocca ai Fossi.

Il provvedimento si affianca a quello, vigente nello stesso periodo, che impone il divieto di consumo di bevande alcoliche in qualsiasi contenitore (ad eccezione delle aree di pertinenza degli “esercizi pubblici di somministrazione bevande”, “esercizi commerciali” e “attività artigianali del settore alimentare”), il divieto di consumare alimenti e bevande in genere forniti in bottiglie di vetro e lattine; e quello di abbandonare bottiglie di vetro, lattine e contenitori in genere; ed è fondamentale per garantirne l’efficacia.

Si è infatti deciso di vietare la vendita di alimenti e bevande tramite distributori automatici in locali privi di qualsiasi controllo utile ad allertare le forze dell’ordine in caso di pregiudizi alla sicurezza e all’incolumità pubblica.

Entrambi i provvedimenti fanno parte di tutta una serie di azioni che da tempo l’Amministrazione comunale ha messo in campo per il decoro e la vivibilità di una zona meritevole di attenzione e sensibilità quale quella della stazione.