A insospettire i militari della GdF una serie di incontri con i clienti nelle zone della movida a Milano Marittima

Nei giorni scorsi le Fiamme Gialle del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ravenna, impegnate nelle attività di controllo delle misure di contenimento della diffusione del Covid-19, hanno arrestato a Cervia un 23enne albanese trovato in possesso di circa 140 grammi di cocaina pura, parte della quale già suddivisa in dosi e pronta ad essere immessa nel locale mercato di spaccio. 

I militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Cervia, costantemente impegnati nell’attività di controllo economico del territorio, nell’ultimo periodo avevano più volte notato il giovane albanese risultato nulla facente concludere fugaci appuntamenti con altri individui proprio nei pressi del centro di Milano Marittima in prossimità del cuore della “Movida”. 

Le intuizioni dei finanzieri si sono rilevate fondate, allorquando il cittadino albanese, sottoposto a controllo, è stato trovato in possesso di un guanto monouso al cui interno era custodito oltre un etto di cocaina purissima. 

La successiva perquisizione domiciliare, effettuata nell’appartamento in uso al soggetto, ha permesso il rinvenimento di ulteriori 23 dosi di cocaina, di un involucro che conteneva circa 60 grammi di sostanza da taglio, di un bilancino di precisione nonché della somma in contanti di Euro 3mila posta sotto sequestro quale provento dell’attività di spaccio. 

Al termine delle operazioni l’uomo è stato arrestato e, su disposizione del pubblico ministero di turno della locale Procura della Repubblica, ristretto presso la Casa Circondariale di Ravenna.