Non sarà più possibile fumare nei parchi e sulla battigia. Il fumo da tabacco è tra i più gravi problemi di salute pubblica al mondo rappresentando una delle principali cause di morte e disabilità della popolazione, per questo il Comune di Cervia ha disposto un’ordinanza ad hoc per vietare il fumo in alcune aree sensibili. Il fumo passivo è un fattore nocivo per la salute, soprattutto per i bambini che costituiscono un terzo dei fumatori passivi: per questo si era già in passato vietato il fumo nelle pinete e nei sentieri pinetali, compresa la pineta di Pinarella, oltre che nell’area boscata durante tutto l’anno. Nonostante questo primo divieto, da controlli effettuati sul territorio comunale è emerso che nei parchi pubblici, soprattutto in prossimità di aree attrezzate per i giochi dei bambini, nelle aree sportive, in quelle di sgambamento cani, nelle aree antistanti i plessi scolastici, alle fermate degli autobus e in spiaggia è uso frequente fumare anche in presenza di minori, determinando un danno da fumo passivo e un cattivo esempio per i minori stessi. Questo ha portato la Pubblica Amministrazione a un nuovo passo in avanti verso la città “NO SMOKING”.

Nell’ottica del perseguimento di una città sostenibile e quindi più vivibile e pulita, a misura di bambino, il Comune di Cervia si è impegnato nella promozione di comportamenti responsabili e consapevoli, orientati al bene pubblico della salute, anche in materia ambientale. Per questo l’Amministrazione ha deciso di vietare il fumo di tabacco in nuove aree comunali. Dal 13 luglio 2020 con nuova Ordinanza (n. 39) non sarà più possibile fumare nei parchi attrezzati con giochi per bambini, nelle aree sportive, nelle aree di sgambamento cani, nelle aree antistanti i plessi scolastici e alle fermate degli autobus. Inoltre non sarà più possibile fumare nel tratto di arenile definito come battigia, ovvero la fascia di spiaggia ampia 5 metri dalla linea di marea, destinata esclusivamente al libero transito e nella zona di mare antistante la costa per una profondità di 300 metri. Nelle restanti zone della spiaggia, essendo comunque vietato l’abbandono di rifiuti, sarà necessario munirsi di idoneo contenitore utile per la raccolta di mozziconi o altri rifiuti di prodotti da fumo. Ricordiamo che gettare a terra i mozziconi di sigaretta è severamente vietato, essendo materiale altamente inquinante con tempi lunghissimi di degradazione.

Dichiarazione dell’Assessore allo Sport e agli Eventi Michela Brunelli: “L’idea della città “NO SMOKING” si sta sempre più diffondendo nella nostra società. Il fumo attivo e passivo danneggia gravemente la salute di adulti e bambini, e non si concilia con l’idea di wellness e di sostenibilità che questo Comune sta portando avanti. Sempre più persone sono infastidite dal fumo di sigaretta e sposano uno stile di vita sano. Stile che anche noi come Comune abbiamo adottato, sia per quanto riguarda le pratiche sportive, sia nel turismo. Infatti la nostra città è sempre più identificata nel mondo come luogo di villeggiatura a vocazione sportiva e che punta al wellness e a un turismo slow, e per questo come giunta abbiamo portato avanti questa politica. Un passo importante per questa città, che questa amministrazione ha voluto fortemente. Stare bene, stare in salute, fare stare bene i nostri concittadini e i nostri turisti è il nostro obbiettivo primario”.