Tre foto ripristini scavi fibra ottica

Interrogazione al sindaco De Pascale

Riportiamo di seguito l’interrogazione che il capogruppo di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi, indirizza al sindaco di Ravenna, Michele de Pascale, a proposito della modalità con cui sono stati effettuati i ripristini degli scavi per la fibra ottica.

“Un cittadino di Ravenna ha scritto ieri all’amministrazione comunale, nelle persone del sindaco e del sottoscritto, il seguente preoccupato messaggio mail, qui ristretto all’essenziale, producendo a campione delle sue rimostranze delle foto scattate in punti diversi della città. Questa persona, non conosciuta da Lista per Ravenna, si è però identificata pienamente, ponendosi a disposizione per il dopo: ‘Sono con la presente a denunciare (a dir poco) i vergognosi lavori di ripristino sparsi per tutta la città del manto stradale e marciapiedi dopo i lavori di posa della fibra di Open Fiber. I ripristini come si evince dalle foto sono stati eseguiti con cemento anziché asfalto, in tante zone  di Ravenna anche applicato male o con avvalli oppure in eccesso…Chi vi scrive è un Ravennate D.O.C che vuole semplicemente bene alla propria città’.

DISCUTIBILI RIPRISTINI PROVVISORI – Una prima risposta posso darla io alla luce delle norme tecniche del “Regolamento comunale sugli scavi”, che un cittadino non è tenuto a conoscere, ma su cui sono lecite le richieste di chiarimento. Siamo sicuramente di fronte a “ripristini provvisori”, da compiersi entro 180 giorni dalla fine dei lavori, a cui seguiranno obbligatoriamente, decorsi altri 270 giorni, i “ripristini definitivi”. Per quanto “provvisori”, i ripristini fotografati si mostrano per lo meno discutibili sotto il profilo estetico e della compatibilità con l’ambiente urbano circostante. Trattandosi di lavori effettuati in una città tra le più prestigiose e turisticamente attrattive per le sue caratteristiche e proprietà storico-culturali e ambientali, l’effetto è sicuramente disdicevole, tenendo conto della loro disseminazione e della lunghissima provvisorietà loro concessa . Di qui le prime richieste di spiegazione.

  • Il Comune ha controllato ovunque che i ripristini provvisori in questione rispettino le minuziose norme tecniche regolamentari, prescritte su quattro fitte pagine. Con quali risultati? Con quali eventuali interventi disposti?
  • Se tutto è in regola, la Giunta comunale non ritiene che occorra procedere ad una revisione del Regolamento sugli scavi, sia perché disciplini opportunamente in materia anche di qualità non troppo impattante con l’ambiente urbano, sia per restringere, a seconda che la tipologia dei lavori lo consenta, il troppo lungo periodo intercorrente tra la loro fine e il ripristino definitivo dei luoghi scavati, pari a fino 450 giorni?

SICUREZZA DI PEDONI E CICLISTI A RISCHIO – In ogni caso, pare evidente, dalle foto allegate e dal messaggio del cittadino, come nei ripristini in questione si registrino avvallamenti e sconnessioni rispetto al piano stradale, a fronte di cui la circolazione, quanto meno, dei pedoni e dei ciclisti potrebbe essere a rischio di sicurezza. In proposito dispone come segue l’art. 11 del Regolamento sugli scavi stesso: “Fino al rilascio del benestare finale, il titolare dell’autorizzazione è obbligato ad intervenire in prossimità dell’intervento autorizzato ogni qualvolta vengano meno le condizioni di sicurezza della circolazione stradale…”. Di qui le ulteriori ed ultime (al momento) istanze.

  • La Giunta comunale ha controllato, punto per punto, che i ripristini provvisori in questione siano a prova di sicurezza della circolazione, particolarmente per i pedoni e i ciclisti? Con quali risultati? Con quali eventuali prescrizioni?
  • Con l’occasione, si chiede formalmente copia di una mappa della città e delle frazioni in cui sono stati effettuati i lavori di posa della fibra ottica, cosicché Lista per Ravenna possa effettuare in proprio le necessarie verifiche con l’aiuto dei propri consiglieri territoriali e dei cittadini semplici disposti, ovunque presenti, a collaborare con essa”.