Polizia locale (foto di repertorio)

La richiesta al sindaco De Pascale e al vicesindaco con delega alla sicurezza Fusignani.

Riportiamo di seguito le parole con le quali Lorenzo Frisenda (Consigliere territoriale La Pigna) chiede al sindaco di Ravenna, Michele de Pascale e al vicesindaco con delega alla sicurezza Eugenio Fusignani di aumentare i controlli della Polizia locale in alcune vie cittadine in cui i mezzi di trasporto tendono ad aumentare la velocità aumentando di conseguenza i rischi per gli utenti della strada.

“Terminato il confinamento dovuto al Covid-19, nel nostro comune è di nuovo venuta a mancare la sicurezza urbana, sia per quanto riguarda i reati di furti e truffe alle persone ed in particolare agli anziani, in città e nel forese sia per ciò che concerne la sicurezza stradale.

In questi giorni abbiamo ricevuto alcune segnalazioni di vie cittadine scambiate per autodromi, in particolare la Via Chiavica Romea, una strada apparentemente extraurbana con un lungo rettilineo, ma con alta densità abitativa. Un’area in cui, essendo situato il parco Teodorico, porta le persona residenti, ad attraversarla per raggiungere il parco.

Un’altra segnalazione è per la Via Giovanni Calvalcoli, strada che da via Zalamella sbocca nella Via Bovini. Qui moto e auto molto spesso sfrecciano in accelerazione con un grado di pericolo per i residenti molto alto. Sono arrivate anche segnalazioni per il camion della spazzatura, il quale spesso lo si sente fare ampie accelerazioni e sfrecciare in vie ad alta densità abitativa, con conseguenti rischi di creare danni a cose e persone. 

Risulta, quindi, necessario che il Sindaco Michele de Pascale e il suo Vice-Sindaco con delega alla sicurezza, Eugenio Fusignani, dispongano sistematici controlli da parte della Polizia Locale al fine di garantire la sicurezza dei Ravennati residenti in queste e in altre zone afflitte da pericoli dovuti alla velocità di percorrenza dei mezzi.

Sarà nostra cura, come sempre, monitorare le reali attività proposte al Sindaco a al Vice-Sindaco, nonché a comunicare ulteriori segnalazioni dovessero arrivarci”.