Carabinieri (foto di repertorio)

Dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lugo

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lugo, nelle prime ore notturne del 15 settembre, a seguito di richiesta d’aiuto pervenuta alla Centrale operativa, sono intervenuti presso un esercizio pubblico del centro cittadino, dove due stranieri si erano resi responsabili di utilizzo di violenza o minaccia per costringere altra persona a commettere un reato.

Nella circostanza i due, in stato di alterazione alcolica, non paghi dello stato in cui già versavano, si erano recati presso un bar di questo centro pretendendo dall’esercente, con particolare insistenza uno di loro, la somministrazione di bevande alcoliche ed al giusto rifiuto di tale richiesta la barista veniva fatta oggetto di ripetute minacce vedendosi, infine, costretta per timore di reali ripercussioni, ad ottemperare alla loro richiesta.

Naturalmente le due persone, ottenuto quanto richiesto, si allontanavano dal locale, in questione, senza pagare nulla.

La giovane barista comunque, senza perdersi d’animo, avvisava immediatamente i Carabinieri che con un tempestivo intervento riuscivano a rintracciare i due uomini, tra l’altro già ben conosciuti, a poca distanza dal locale.

Al termine degli accertamenti comunicati, immediatamente, al Magistrato di turno della Procura della Repubblica di Ravenna veniva disposta la custodia temporanea del 33enne presso le camere di sicurezza dell’Arma in attesa del rito direttissimo il cui esito, nella mattinata seguente, ha determinato per costui la convalida dell’arresto e per il suo complice il deferimento in stato di libertà.