La situazione dell'isola rifiuti in via Teodorico il 20 settembre scorso

La protesta di alcuni cittadini riportata da Elisa Frontini, capogruppo di Lista per Ravenna nel Consiglio territoriale Darsena

Ha raccolto varie foto di rifiuti abbandonati, inviate da cittadini della zona a Lista per Ravenna, la capogruppo nel Consiglio territoriale Darsena, Elisa Frontini, che si appella al Sindaco per chiedere un’intervento da parte delle Forze dell’Ordine.

“Via Teodorico – scrive Frontini – confluisce da via Antico Squero in via delle Industrie, nella discesa del cavalcavia ferroviario, di fronte al Mausoleo di Teodorico, patrimonio UNESCO dell’Umanità, meta turistica tra le più apprezzate anche all’estero.

Non merita certo la sconcezza di una cosiddetta Isola Ecologica di Base (IEB), composta da una fitta serie di cassonetti per rifiuti, dove viene rovesciato a terra ogni genere di spazzatura, scarti, mobilia, suppellettili, ecc., come mostrano alcune foto, che cittadini del posto esasperati hanno scattato il 3 settembre scorso, insieme ad altre, trasmettendole a Lista per Ravenna”.

“Che non sia un fenomeno occasionale – prosegue la capogruppo di LpR -, è confermato dall’altra seguente serie di foto che i medesimi cittadini hanno scattato domenica scorsa.

Non esistono scusanti per questo spettacolo di inciviltà. Tutti i rifiuti urbani che, per tipologia, dimensioni o peso, non possono essere conferiti nei cassonetti o nelle campane stradali, sono ritirati gratuitamente da Hera nelle Stazioni Ecologiche di via Romea Nord e di via Carlo Sala, riconoscendo sconti sulla Tari per chi li consegna. I materiali raccolti sono avviati prevalentemente a recupero di materia, a recupero di energia o allo smaltimento controllato. Hera raccoglie poi gratuitamente a domicilio con prenotazione i rifiuti ingombranti generici (mobilio, materassi, poltrone, mensole,ecc.) o derivati daapparecchiature elettriche ed elettroniche (grandi rifiuti elettronici, frigoriferi, lavatrici, stufe,ecc.)”.

“Lista per Ravenna – conclude Frontini – chiede pertanto al sindaco se intende disporre che la Polizia comunale si attivi opportunamente allo scopo di individuare e sanzionare gli autori di queste incivili infrazioni, collocando sul posto fototrappole, oppure risalendo alla provenienza dei rifiuti scaricati fuori dei cassonetti attraverso tracce riscontrabili nel frammezzo, oppure compiendo efficaci azioni di vigilanza”.