Scuolabus (foto di repertorio)

Il Sindaco Massimo Medri però aggiunge: “Fuori da ogni possibile controllo il comportamento dei giovani e gli eventuali assembramenti nei pressi delle fermate, soprattutto in altri comuni”

“Gli autobus scolastici Cervesi rispettano in pieno il DPCM del  18/10/2020. Nessuna irregolarità, come uscito in alcuni articoli sulla stampa locale, attualmente gli autobus sono stati incrementati di 11 unità”. Così il Comune di Cervia interviene per precisare la situazione sugli autobus scolastici.

Per la precisione nella tratta mattutina Cesena – Cervia sono 2 gli autobus che sono aggiunti ai 6 degli scorsi anni, per un totale di 8 mezzi che ogni mattina partono da Cervia per raggiungere le scuole cesenati, allo stesso modo sono due i pullman in più previsti per il ritorno a termine della scuola, per un totale anche in questo caso di 8 mezzi contro i 6 degli scorsi anni.

Per quanto riguarda la tratta Cervia – Cesenatico sono stati incrementati di 2 unità gli autobus, sia all’andata che al ritorno, per un totale di 4 mezzi in più da e per Cesenatico. Mentre per quanto riguarda il Forese i mezzi sono stati incrementati di 4 unità da Sac. Al momento come ci è stato garantito sia da Sac, che da Start Romagna l’affluenza sui mezzi è al 80% cioè tutti i posti a sedere, più quasi tutti i posti in piedi.

“È chiaro che la pubblica amministrazione non può far altro che rispettare i DPCM in vigore, e attenersi alle scelte fatte a livello nazionale. Quello che stiamo facendo e abbiamo fatto è incrementare i mezzi per garantire un’affluenza non superiore all’80%, chiaro che l’80% prevede un riempimento quasi totale dei mezzi, ma queste sono scelte che non spettano a questa amministrazione”.

Hanno dichiarato il Sindaco Massimo Medri e il Delegato ai Trasporti Claudio Lunedei aggiungendo che “resta fuori da ogni possibile controllo il comportamento dei giovani e gli eventuali assembramenti nei pressi delle fermate degli autobus o fuori dalle scuole, soprattutto se questi avvengono in un altro comune. Noi come Pubblica Amministrazione abbiamo fatto quanto c’è stato richiesto e quanto era previsto dai DPCM per garantire gli spostamenti nel modo più sicuro possibile secondo le norme in vigore, e chiaro allo stesso tempo che comunque lo spostamento avviene e i ragazzi si muovo e si vedono anche al di fuori dei mezzi pubblici e della scuola.

Per quanto riguarda la sanificazione degli autobus sia Start Romagna che Sac sono obbligati a farlo per il DPCM in vigore e secondo le modalità scritte nel documento. Sul territorio di Cervia a seguito di un sopralluogo non risultano esserci criticità al momento, restiamo comunque a disposizione per ulteriori chiarimenti o per eventuali segnalazioni.”