L’iniziativa del Sindacato Panificatori Artigiani Confcommercio in collaborazione con Linea Rosa

Questo pomeriggio, mercoledì 25 novembre, nella giornata della celebrazione mondiale della lotta contro la violenza sulle donne, presso l’ospedale civile di Ravenna, il Sindacato Panificatori Artigiani Confcommercio provincia di Ravenna e Linea Rosa hanno donato circa 3.000 caterine al personale infermieristico e medico femminile in segno di riconoscenza per il loro impegno in questo difficile momento pandemico.

Quest’anno il Sindacato Panificatori e Linea Rosa invece di raccogliere fondi con la vendita del ‘dolcetto tipico ravennate’ a favore del centro di antiviolenza, ha deciso di fare un piccolo gesto d’amore nei confronti di chi è in prima linea per la tutela della nostra salute.

Le Caterine sono state prodotte grazie alla disponibilità dei panificatori ravennati e delle volontarie di Linea Rosa: le caterine sono dei biscotti di pasta frolla ricoperti di zucchero, cioccolato e variamente decorati; possono essere a forma di galletto o di bambolina.

La storia racconta dell’amore contrastato di una giovane sartina e un pasticcerei che non potendo incontrare la sua amata preparò un biscotto a forma di bambolina e glielo fece recapitare per ricordarle il suo amore.

Questo è proprio l’intento: ricordare a coloro che sono impegnati in prima linea per la nostra salute, la nostra vicinanza e il nostro ringraziamento per il loro impregno.

Giuseppe Verlicchi (Presidente Sindacato Panificatori Ravenna), Patrizia Baratoni (Comunicazione Donazioni eventi Presidio Ospedaliero Ravenna), Maria Cristina Fabbri (Direttore Infermieristica e Tecnica Presidio Ospedaliero Ravenna), Alessandra Bagnara (Presidente Linea Rosa), Ouidad Bakkali Assessore comunale alle politiche e culture di genere), Roberta Mazzoni (Direttore Distretto Sanitario di Ravenna Ausl Romagna), Mauro Mambelli (Presidente Confcommercio Ravenna), Paolo Tarlazzi (Direttore medico Presidio Ospedaliero Ravenna), Lorenzo Verlicchi e Michele Leo (in rappresentanza del Sindacato Panificatori Confcommercio)