I lavori per l’importante struttura di difesa dell’abitato inizieranno venerdì 27 novembre

Inizieranno venerdì 27 novembre i lavori di “ammodernamento delle Porte vinciane”.

Le “porte” costruite nel 1997 nel Portocanale, in prossimità del ponte San Michele, costituiscono una importante struttura di difesa dell’abitato dalle mareggiate e necessitano di un intervento radicale di ammodernamento.

L’intervento riguarderà non solo le porte, ma  tutta la struttura costituita da più componenti come gli impianti elettrici, idraulici, meccanici e di telecontrollo.

Per la realizzazione dell’intervento sarà necessario “mettere a secco” il tratto di Portocanale interessato, tramite la realizzazione di due sbarramenti e il prosciugamento dell’area compresa tra questi.

Il flusso delle acque provenienti dai bacini delle saline e dagli impianti fognari, posti a monte dello sbarramento, sarà garantito dal sistema di pompe by pass esistente che, al termine dei lavori sarà sostituito da un sistema di pompe più performante, costruito direttamente a bordo delle nuove porte.

L’importante opera di difesa, progettata dall’ing. Santi Erminio Romagnolo, avrà il costo complessivo di  € 950.000 e sarà finanziato interamente con fondi dell’Amministrazione comunale.

La ditta aggiudicataria dell’appalto è la Lasa F.Lli Nata di Cantarana di Cona (VE).

L’assessore ai lavori Pubblici Enrico Mazzolani ha dichiarato: “Il lavori alle porte vinciane sono opere indispensabili e necessarie per queste strutture, che da tempo necessitano di un ammodernamento. La protezione della città e la difesa dell’abitato dipendono anche dal funzionamento ottimale delle porte, per questo abbiamo destinato un finanziamento di 950 mila euro interamente a carico dell’amministrazione. Si ritornerà a poter navigare nella parte a monte del ponte mobile ai primi di maggio”.