Il 15° Stormo di Cervia col nuovo elicottero HH139B
Il 15° Stormo di Cervia col nuovo elicottero HH139B

Ne verranno consegnati altri 16 per per rafforzare la flotta.

Alle 14:15 di ieri 30 novembre è atterrato il primo esemplare di HH139B destinato a completare e a rafforzare la flotta di elicotteri del 15° Stormo e dei Centri/Gruppi SAR alle sue dipendenze.

La consegna degli elicotteri iniziata oggi terminerà nel 2022 e vedrà la consegna di 17 esemplari versione “B” sia ai Gruppi  Volo di Cervia (81° e 83°)  che ai Centri S.A.R.(Search and Rescue) sparsi per la penisola dipendenti dal 15° Stormo di Cervia, ovvero l’80° Centro CSAR di Decimomannu (CA), 82° Centro CSAR di Trapani, l’84° Centro CSAR di Gioia del Colle (BA), 85° Centro CSAR di Pratica di mare (RM). Rispetto agli HH139A già in dotazione allo Stormo la versione HH139B presenta alcuni accorgimenti tecnici che permettono di migliorare la capacità operativa e ad aumentare pertanto la flessibilità d’impiego.

Di seguito alcune differenze principali del nuovo elicotteri:

  • aumento del peso massimo al decollo(da 6800kg a 7000kg), che permette una maggiore capacità di carico;
  • doppio verricello in parallelo, che aumenta l’affidabilità del sistema e di conseguenza la sicurezza durante le operazioni di recupero;
  • implementazione di una mission consolle gestita dagli Operatori di Bordo che consente una migliore gestione degli apparati di bordo ai fini della ricerca di eventuali dispersi.
  • avionica e sensori di bordo aggiornati ai sistemi di ultima generazione, come ad esempio il sistema AIS (Automatic Identification System) un trasponder di bordo che permette di interfacciare il mezzo aereo con mezzi navali oppure l’OPLS (Obstacle Proximity LIDAR System) sistema avanzato di rilevazione laser della distanza dell’elicottero con gli ostacoli orografici sul piano orizzontale;

Il 15° Stormo

Il 15° Stormo ha il compito di recuperare gli equipaggi in difficoltà in tempo di pace (SAR – Ricerca e soccorso) ed in tempo di crisi ed in operazioni fuori dai confini nazionali (C/SAR – Combat SAR), di supporto alle Operazioni Speciali nonché di concorrere in caso di gravi calamità ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi , il trasporto in biocontenimento e, di recente, anche il supporto all’attività di antincendio boschivo. Il livello addestrativo degli equipaggi, le caratteristiche tecnologiche degli elicotteri in dotazione nonché l’impiego di apparecchiature e tecniche speciali, quali l’utilizzo di visori notturni, fanno spesso del 15° Stormo l’unica componente elicotteristica in grado di gestire con successo le situazioni di emergenza più complesse grazie, come ad esempio, la capacità d’impiego di giorno, di notte e in condizioni meteo marginali. Ogni volta che un elicottero del 15° Stormo si alza in volo o sta salvando una vita umana, o si sta addestrando per farlo. Dalla sua costituzione ad oggi infatti, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato oltre 7200 persone in pericolo di vita.