Il giovane cittadino nigeriano è stato condotto negli uffici del Commissariato di Faenza

La Polizia di Stato ha arrestato un cittadino nigeriano 22enne per il reato di resistenza e minaccia a pubblico ufficiale dopo che, l’altra notte, un equipaggio delle volanti del Commissariato di P.S. di Faenza è intervenuta presso un’abitazione privata, ove era stata segnalata un’accesa lite in corso.

Sul posto gli agenti hanno identificato il richiedente l’intervento che ha indicato loro un giovane nigeriano visibilmente alterato con il quale era venuto a discussione. A nulla sono valsi i tentativi degli agenti di ricondurre alla calma il giovane che, più volte, ha cercato di arrivare allo scontro fisico sia con il contendente che con i poliziotti, che ha anche cercato di colpire.

Riusciti ad immobilizzare il giovane, i poliziotti lo hanno condotto negli uffici del Commissariato di Faenza dove lo hanno dichiarato in arresto per i reati di resistenza e minaccia a pubblico ufficiale. Il 22enne è stato trattenuto presso le camere di sicurezza del Commissariato di P.S. di Faenza in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

Nella mattinata di giovedì il Giudice Unico di Primo Grado del Tribunale di Ravenna, dopo la convalida dell’arresto, ha celebrato l’udienza condannando il giovane alla pena di anni uno di reclusione con la concessione della sospensione condizionale della pena.